Community Call 30/06/2019

Stato Bello – puntata 2

Kumarji:

Namaste a tutti. Cominciamo la Call con una piccola meditazione.

Meditazione

Per favore mantenete la schiena diritta, chiudete gli occhi e portate la vostra consapevolezza al respiro.

Facciamo sette respiri con consapevolezza.

Con consapevolezza intendiamo che la inspirazione e la espirazione avvengono dal naso.

Inoltre ogni volta che inspirate, riempite tutta la capacità dei polmoni, e ogni espirazione sarà più lunga della rispettiva inspirazione.

Dolcemente portate la vostra consapevolezza al centro del cuore.

Inspirate ed espirate come se fosse il vostro cuore a respirare.

Richiamate alla memoria tutte le bellissime cose che vi sono accadute durante l’ultima settimana. Apprezzate la vita per il fatto che avete avuto questi momenti meravigliosi. 

Apprezzate tutte le persone che sono servite, che sono stati di aiuto come strumenti, per manifestare questi bellissimi momenti nella vostra vita e ringraziateli, ringraziatele.

Ora dolcemente portate entrambi i palmi delle mani sul cuore.

Inspirate ed espirate e percepite la Presenza, avvertite la Presenza nel vostro cuore dell’Intelligenza Universale.

Sentitevi grati verso il vostro Divino o verso l’Intelligenza Universale, per essere presente in tutti questi momenti nel vostro cuore continuamente.

Fate un respiro profondo ed espirando rilassate le mani.

Fate un altro respiro profondo e mentre state ispirando, rilassate i muscoli del viso e lasciate che si formi un sorriso sul vostro volto.

Ora fate un altro respiro, un’altra inspirazione profonda, ed espirando, quando sentite che siete pronti, potete gentilmente aprire gli occhi.

Come state voi tutti? Come voi tutti sapete, adesso le Call durano solo 45 minuti.

Quindi avremo un insegnamento, seguito da una meditazione guidata. 

Poi ci saranno alcune condivisioni, le condivisioni di quello che vi è accaduto durante la meditazione.

E poi, ovviamente, se avete delle domande che riguardano l’argomento di oggi, potrò rispondere a queste domande.

Poi collettivamente, manterremo una intenzione ed esprimeremo gratitudine.

Questo è il contenuto della Call.

Insegnamento

Andando alla parte dell’insegnamento, ascoltate con molta attenzione quello che vi sto per dire. Come vi ho detto, queste Community Calls vi permetteranno di crescere nella vostra coscienza, vi aiuteranno ad evolvere la vostra coscienza verso una coscienza molto potente. Che cosa intendiamo dicendo che la vostra coscienza cresce diventando una coscienza potente? Facciamo continuamente esperienza di tantissimi eventi nella nostra vita, ci capitano un sacco di esperienze, di avvenimenti. Alcune sono molto piacevoli, altre esperienze, invece sono spiacevoli. Alcune esperienze sono molto dolorose, altre molto gradevoli. Alcune di queste esperienze sono molto distruttive, e alcune sono molto costruttive. In base al tipo di esperienza che stiamo passando, la nostra coscienza si costruisce, o evolve.

Diciamo che qualcuno magari, è esposto a troppe esperienze dolorose, stressanti nella vita, anche la coscienza evolve in qualcosa che è molto danneggiato e doloroso. E ogni volta che emerge qualche difficoltà, qualche sfida, questa persona, la cui coscienza è stata così tanto danneggiata, cercherà di affrontare queste sfide, partendo da uno stato di sofferenza.

Diciamo che qualcuno invece abbia avuto tantissime belle esperienze nella vita, molti momenti meravigliosi, nella sua coscienza è molto bella, una tale persona affronterà ogni sfida che gli arriva partendo da uno bello stato.

Ma se noi osserviamo, la maggior parte della nostra vita è sempre appesantita da molte esperienze dolorose e stressanti, perciò ci sono molte cose che andrebbero dissolte nella nostra coscienza, e nello stesso tempo abbiamo anche questa esigenza di esporci a molte belle esperienze, affinché la nostra coscienza cominci ad evolvere in una bella coscienza.

Quindi queste Call, questi incontri via computer, vi aiuteranno. Alcune Call sono focalizzate sul dissolvere gli stati di stress e di dolore, e di sofferenza. Altre invece, sono focalizzate sul nutrire, alimentare, arricchire, la vostra coscienza, di belle esperienze. 

Quindi questa settimana, vorrei focalizzarmi su qualcosa che alimenta e incrementa la vostra coscienza, qualcosa che vi nutre la coscienza, facendola diventare una bella coscienza. 

Il fatto è, fatemi parlare un attimo, delle relazioni: una relazione che avete con voi stessi, la relazione che avete con le persone che stanno intorno a voi, la relazione che intrattenete con Madre Terra, la relazione che avete con la natura, la relazione che avete con questo universo, la relazione con l’Intelligenza Universale.

Anche prima di pensare a quelle con la Terra, con la natura, con l’Intelligenza Universale e con gli altri, dovremmo farci una domanda: Qual è la nostra relazione con noi stessi?

Per molti di noi, per quasi tutti, non siamo neanche connessi con noi stessi.

Relazionarsi è il fatto che una relazione vera è possibile solo quando c’è uno stato di connessione. E allora: Che cos’è questo stato di connessione?

Uno stato di connessione è essere in grado di essere totalmente presenti. Questo vi fa sentire e vi fa essere connessi. Cioè quando voi siete totalmente presenti a qualcosa che riguarda voi, noi possiamo dire che siamo in uno stato di connessione. 

Solo da quello stato di connessione siete in grado di prestare attenzione a quello che è, qualunque cosa sia, allora vi state veramente relazionando. Quindi se noi osserviamo per tantissimi momenti, quasi tutti, nella nostra vita, veniamo continuamente spinti via, allontanati nel nostro focus, nella nostra attenzione o comunque non siamo totalmente presenti a noi stessi.

Continuamente veniamo spinti di qua e di là. Non siamo presenti.

Quindi, vorrei portarvi a fare un breve processo, che vi potrà aiutare a focalizzare l’attenzione su qualcosa, perlomeno su voi stessi, in modo che cominciate a fare esperienza di che cos’è questo stato di connessione. E quindi di essere totalmente presenti, senza le distrazioni della mente, e almeno per alcuni secondi, allora possiamo dire che siete in uno stato di connessione per alcuni momenti, per alcuni secondi. E soltanto quando qualcuno si porta in questo stato di connessione, effettivamente è in grado di cominciare a vivere in un bellissimo stato.

Fintanto che qualcuno non ha questo stato di connessione, l’individuo è un essere umano disconnesso. E un essere umano disconnesso, è un essere umano che soffre, che sta soffrendo.

Perciò, la domanda è: Voi volete tutto ciò? Volete questo stato commesso nella vostra vita?

Quindi passiamo ora a fare una breve, una piccola meditazione, una riflessione, così anche come una meditazione.

Meditazione 

Per favore state seduti in modo da tenere la schiena diritta, in una posizione comoda e chiudete gli occhi. 

Inspirate dal naso ed espirate l’aria dalla bocca, il più lentamente possibile. 

Continuate a fare ancora per tre volte questo tipo di respirazione.

Ora portate una riflessione nella vostra vita, osservate dalla definizione di connessione, ed andate a verificare nella vostra vita, quanto siete disconnessi, in particolare proprio con voi stessi e voi stesse. Quanto la vostra mente vi devia di qua e di là costantemente e non c’è mai attenzione o focalizzazione, attenzione focalizzata su voi stessi.

Potete aver avuto dei pensieri, ma non stiamo parlando di pensieri, stiamo parlando di essere totalmente presenti a voi stessi, che sia nel vostro corpo, o con le vostre sfide, o che sia con la salute, o legata a varie situazioni.

Eravate presenti?

Verificate voi stessi, riflettete sulla vostra vita.

Quanto la mente, è sempre lì a pensare? 

Quanto vi sospinge lontani da voi stessi e dal mantenere il Focus e l’attenzione su ciò che vi sta accadendo? 

Che possa essere in un tentativo di spiegare le cose, di giudicare, di mettere in discussione, che è un atteggiamento analitico, ma mai veramente portando l’attenzione all’essere presenti.

Percepite, sentite la disconnessione e quando siete così tanto disconnessi, come potete aspettarvi che l’Universo, o l’Intelligenza Universale, soprattutto in uno stato di disconnessione, come potete aspettarvi di comunicare con l’Universo per avere soluzione alle vostre sfide. 

E in questo stato disconnesso, avete portato ulteriore tristezza e stati di sofferenza in voi stessi.

Portate l’osservazione a questi stati di sofferenza.

Quando portate veramente questa osservazione a questo stato di sofferenza, di disconnessione, allora emerge una passione, una passione per ritrovare, per ottenere la connessione e liberarsi dalla disconnessione.

Se questa passione emerge, allora, gentilmente, portate la consapevolezza e l’attenzione al centro del vostro cuore.

Vedete un loto dorato nel vostro cuore.

Inspirate ed espirate nel vostro cuore.

Ad ogni inspirazione ed espirazione, comincia ad aprirsi ogni petalo di questo loto dorato, comincia a sbocciare.

Ad ogni petalo che sboccia e fiorisce, potete visualizzare e vedere una luce dorata che irradia in maniera bellissima, e vi manda questa luce dorata, che lentamente riempie e pervade tutto il vostro cuore, e poi tutto il nostro corpo.

E poi riuscite a percepire, cominciate a sentire che siete moltissimo, veramente molto, presenti a voi stessi.

Riuscite a percepire questo stato di connessione, che può essere avvertito sotto forma di Amore, Amore per voi stessi. 

Sentite quello stato di connessione. 

È uno stato molto espanso. Lasciate che possa fiorire, sbocciare dentro di voi questo stato di espansione in maniera estremamente potente. 

Da questo bellissimo stato di connessione, benedite voi stessi e voi stesse, benedite i vostri corpi.

Da questo stato bellissimo di connessione, benedite la vostra famiglia, benedite ciascuno intorno a voi, i membri del vostro circolo delle anime, che possano avere un’esperienza di questo bellissimo stato di connessione.

In questo bellissimo stato, vedete voi stessi essere utili e aiutare moltissime persone a portarsi in un bellissimo stato.

Fate un respiro profondo e mentre state espirando, dolcemente aprite gli occhi ora. 

Condivisioni

Eccoci, ora è il momento delle condivisioni. E le condivisioni rafforzeranno la vostra esperienza. E sicuramente porteranno un cambiamento importante, in voi e negli altri.

Chi è che vorrebbe condividere ora?

Paola: È stata veramente molto forte questa meditazione. Io medito già da anni e con la O&O Academy sono anni che medito con tante meditazioni diverse. Ma quando mi si è aperto il loto dorato nel cuore, sono diventata tutta d’oro praticamente. E ho sentito proprio una energia dorata che energizzava tutte le mie cellule. E sentivo gioia. Io sono trainer e quando attivo le persone, mi succede questa cosa, ma non mi succede quando medito. E quindi ringrazio, perché questa è la meditazione più potente che abbia mai fatto.

Kumarji: Molto bello, molto bello. Fantastico. Qualcun altro vuole condividere? 

Una signora tedesca: Vorrei condividere qualcosa. Ho sentito un dolore che da lungo tempo avevo nella mia vita e che mi teneva legata. Questo dolore era così intenso e poi mi ha liberata quando è arrivata questa cosa del Loto. (Non si sente più nulla) Ho sentito dolore, quando ho sentito questa separazione. Durava da tanto tempo e dopodiché c’è stata questa libertà e questo senso di liberazione. (la condivisione è stata molto, molto accorciata dalla traduttrice tedesca)

Kumarji: Ok, molto bello. Ci sono delle domande?

Domande

Francesco:Io ho una domanda veloce, se è possibile.

Kumarji: Sì.

Francesco:Come tu sai di solito seguo i tuoi insegnamenti, i tuoi insegnamenti personali, anche quelli degli altri docenti, e se ho compreso bene, ci sono due insegnamenti che non so come farli andare d’accordo. Uno dice che quando noi siamo davvero in un bellissimo stato, non possiamo essere influenzati, toccati dagli altri. Però se ho compreso bene, alcune settimane fa, parlando del circolo dell’anima, hai anche detto che è molto importante che tutti i membri del nostro circolo dell’anima siano in un bellissimo stato, perché ciascuno di essi può impattare gli altri. E allora vorrei avere più chiarezza su questa cosa, se possibile. 

Kumarji: Sì, è una buona domanda. Quando diciamo che siete in un bello stato, vi spieghiamo anche che uno stato bellissimo permanente, in tutti i momenti, non è qualcosa di cui parliamo. Quindi è una sorta di intreccio tra stati bellissimi e di sofferenza. In questo momento se il 99% magari è sofferenza e l’1% non è bello stato, voi state lavorando per cambiare e rovesciare questa proporzione, in modo che sia sempre più bellissimi stati, e sempre meno stati di sofferenza.

Quindi ci sono momenti della vostra vita assolutamente in cui siete in sofferenza, e quando siete in stati di sofferenza, in quei momenti, i membri del circolo dell’amicizia non sono in un bello stato. allora si potranno impattare su di voi. A volte anche se siete in un bello stato, ma lo stato non è così potente, allora ciò che accade è che se i membri del circolo dell’anima sono in un pessimo stato, allora può accadere che vi trascinano verso il basso.

Diciamo che voi invece, siete in un potentissimo stato molto bello, e qualche membro del circolo dell’anima è in uno stato di sofferenza, ma se voi siete uno stato molto potente, allora siete voi che potete impattare gli altri e fargli fare un’esperienza di un bellissimo stato.

Quindi non è soltanto che loro influenzano te, ma anche tu influenzi loro.

La domanda però è: quanto sei in maniera potente, in quello stato?

Ecco perché non è importante che tu abbia solo un assaggio di un bello stato, ma che la tua coscienza possa crescere in maniera molto forte e potente in un bello stato e in stati trascendentali e in stati illuminati. Più e più tu fai esperienza di belli stati, di stati trascendentali, illuminati, ciò che accade è che la tua coscienza comincia ad evolvere.

Il che significa che crescerà in una coscienza molto potente, grazie alla quale tu comincerai a impattare in particolare con i membri del circolo dell’anima. 

Sempre più i membri del Circolo della tua anima, del tuo circolo dell’anima, cominciano a fare esperienza di questi belli stati, e anche loro crescono in maniera potente, e poi in questi belli stati a quel punto tu stabilisci e stabilizzi un ecosistema per così dire, bello, molto bello e stabile, grazie al quale la tua crescita comincerà ad essere esponenziale. Comincerai a crescere ad un ritmo veramente veloce, accelerato.

Quindi se qualcuno dice: “Io crescerò, voglio crescere tutto per conto mio, non mi interessa niente degli altri. La mia crescita è tutto quello che conta”. Beh, fino a un certo punto funziona. Ma oltre quel punto, la crescita sappiate che dipende molto anche dalla crescita del vostro ecosistema.

Ecco perché nessuno può veramente dire: “Posso crescere indipendentemente dagli altri”. 

Non funziona così.

Quindi, un seme finchè non germina, è una cosa, ma una volta che è diventato una pianta, se deve diventare un albero, deve attirare molte cose da tutto ciò che c’è intorno. Fa parte di un ecosistema più grande.

Quindi più voi capite che fate parte di un più grande ecosistema e lavorate anche verso la crescita degli altri, e più la vostra crescita sarà potente.

Quindi fino a un certo punto avviene la crescita anche solo a livello individuale, oltre la quale la vostra crescita però dipende molto anche dalla crescita del Circolo dei membri del Circolo della vostra anima.

Francesco: Grazie, grazie Kumarji.

Kumarji:Va bene. Altre domande? c’è un’altra domanda forse?

Erich: Sì, ho una domanda, mia figlia ha una domanda di uno stato che a volte, quando va a meditare, per lei è difficile concentrarsi e avere un focus su qualcosa, perché pensa a qualcos’altro. E quindi la meditazione non la sente come qualcosa di appagante. Come può affrontare e gestire questa cosa?

Kumarji: Non è soltanto il problema di tua figlia, potrebbe anche essere tu e di quasi tutte le persone che sono collegate qui, perché noi non abbiamo una mente meditativa.

Abbiamo uno stile di vita o una civiltà, quello che volete chiamare, che non è costruita in modo tale che noi possiamo avere una mente meditativa, e quindi dobbiamo cominciare facendo dei piccoli passettini, dei passettini che cominciano con l’osservare la respirazione, quindi respirare in modo conscio, e lentamente, mentre comincerete a praticare, ciò che accade, è che comincerete, o meglio il vostro cervello diventerà un po’ insensibile e quindi perdere la concentrazione. Ma dopo un po’, voi, per ogni volta che riconoscete questa deviazione, riuscirete ad ottenere il focus.

Quindi all’inizio è normale che sia difficile, ma man mano che cominciate a percepire, ad assaggiare questi stati per un pochino di tempo, allora la meditazione diventa molto, molto facile, perché il vostro cervello si abituerà a questo.

Quindi non siamo abituati che nel nostro cervello sia così focalizzato, e adesso stiamo cercando di allenare il cervello a diventare meditativo, che è una cosa molto, molto utile per poter restare in un bello stato. 

E quindi non è solo il problema tuo, ma anche del papà, della mamma, di tutti quelli che sono qui intorno. Ok?

Quindi adesso andiamo a fare una piccola meditazione, in modo che possiamo mantenere una intenzione collettiva per essere in un bello stato di connessione e impattare il Circolo dell’anima.

Quindi manteniamo questa intenzione ed esprimiamo anche la nostra gratitudine. Lasciate che vi porti nel mantenere questa intenzione per il bene del circolo dell’anima perché stiamo in uno stato di connessione.

Meditazione

State seduti in maniera adeguata, chiudete gli occhi e portate la consapevolezza al centro del cuore. Gentilmente poggiate entrambi i palmi delle mani sul cuore.

Avvertite la Presenza dell’Intelligenza Universale dentro di voi, nel vostro cuore.

Ora mantenete un’intenzione nel vostro cuore che voi possiate stare in uno stato di connessione e visualizzate tutti i membri del nostro circolo dell’anima che stanno seduti intorno a voi e che anche loro si portano in uno stato di connessione e insieme, tutti voi siete in un bello stato di connessione e di amore. 

Sentite la gioia di questo.

Sentitevi grati per questo bellissimo stato di connessione, sentitevi grati per questa crescita della coscienza nei confronti dell’Intelligenza Universale, questo stato di connessione, per la crescita della vostra coscienza e connessione anche dei membri del circolo vostro dell’anima e di questo bellissimo stato di connessione.

Fate un respiro profondo e mentre espirate, dolcemente rilassate le mani.

Fate un altro respiro profondo e mentre espirate fate un bel sorriso.

E quando vi sentite del tutto pronti, potete dolcemente aprire gli occhi.

In attesa di incontrarci la prossima volta, cercate di praticare questo: cercate di essere presenti a voi stessi, di sentire la connessione. Connettetevi sempre di più all’Intelligenza Universale e state in uno stato di connessione. connettetevi con i membri del circolo dell’anima e state in uno stato di connessione. 

Ci incontreremo la prossima settimana. Namastè, grazie. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...