Community Call 19/05/2019

Relazioni – puntata 21

Potete condividere quello che volete perché la vostra condivisione aiuterà glia altri e anche voi naturalmente.

C’è qualcuno che vuole condividere?

C’è qualcuno che vorrebbe fare delle domande allora?

Si io ho una domanda dice Iris.

 È vero che il bellissimo stato è sempre quando sei nella coscienza dell’uno o può essere avvolte quando sei nella coscienza dell’io ma stare tuttavia in un bello stato?

 Questa è una bella domanda.

 Di solito il bello stato è associato con la coscienza dell’uno perché è uno Stato espanso, espansivo, ogni volta che siete nella coscienza dell’io qualche volta potete essere anche in un bello stato e tuttavia la coscienza dell’io molto rapidamente è in grado di trascinarvi in uno stato di sofferenza. Quindi ci sono dei bei momenti, questa è la risposta anche quando siete nella coscienza dell’io però presto questi vi trascineranno vi attireranno in stati di sofferenza. Invece quando siete nella coscienza dell’uno e siete in uno stato di espansione, in maniera del tutto ovvia quello è uno bello stato quello in cui siete d’accordo?

Louis ha una domanda? meditare per esempio quando ci sono delle persone che vengono da me e dicono che ci sono dei film che vengono dalla loro coscienza e io penso che è un problema soggettivo, la mia domanda è: che cosa posso fare per avere delle intuizioni? Allora allo scopo di avere un’intuizione E allora prima di tutto devi sapere come applicare gli insegnamenti, per portare i giusti insegnamenti alle varie situazioni della vita  e osservare la vita alla luce di quegli insegnamenti allora improvvisamente tu guardi la tua vita alla luce di questi insegnamenti senza cercare di giustificare o di spiegare o di analizzare se osservi alla luce degli insegnamenti emergeranno queste intuizioni, quindi ti arriverà un lampo di intuizione di comprensione  su una situazione di vita da una prospettiva totalmente diversa che prima non avevi mai considerato e che a quel punto è molto evidente. Questo è il modo in cui arrivano le intuizioni. Perché accada questo occorre magari lentamente cominciare a praticare, la pratica della Soul SynK. e quindi la spiegazione comincia ad arrivare in una mente meditativa perché in grado di essere focalizzata e di sentire che sei presente alle tue emozioni interne quindi non è soltanto sapere che hai delle emozioni ma sentirle provarle e quando fai questa esperienza di cosa accade dentro alla luce degli insegnamenti  comincerai ad avere delle intuizioni  nelle tue situazioni di vita e saranno molto liberatorie queste intuizioni. Se prendete Lood Budda, lui ha visto che c’era questa causa di tutte le sofferenze, che era questa bramosia, quindi senza farsi la domanda lui è ossessionato da questa domanda, cercare di capire qual era la risposta, quindi lui non ha avuto una risposta specifica sulla radice,  ma la mia stessa ossessione di voler sapere questa cosa è la sofferenza, nel momento in cui non c’è la domanda non c’è l’ossessione, quindi questa è stata la sua personale intuizione, questo è avvenuto quando è andato nella sua profondità per comprendere le sue verità. Allo stesso modo se voi siete in una situazione particolare e siete particolarmente attenti alla luce di un certo insegnamento, scoprirete qualche cosa, qualche intuizione che vi libererà ok grazie.

Ho una domanda.

Nel campo dell’abbondanza, abbiamo imparato del circolo dell’anima. Mi chiedevo è possibile che un membro del mio circolo dell’anima sia anche membro del circolo dell’anima di qualcun altro.

 Sì certamente. Vedete in un senso ultimo ,definitivo tutto l’universo è un unico circolo dell’anima, ma quando si tratta di quello che intendiamo noi, di quello che parliamo quotidianamente, ogni volta che c’è una persona che avete incontrato con cui avete condiviso insieme un’esperienza  comune questo lascia un’impressione nella vostra coscienza e anche nella loro, questo il modo in cui diventate partner dell’anima o nel cerchio dell’anima quindi ovviamente io posso essere in questo circolo con molti, e il che ovviamente  rende probabile che lo sia anche di altri  potete essere nel circolo dell’anima con un figlio e con la madre, anche con un partner e così non è che siano confinati solo una persona questi ricordi queste memorie ma ciascuno di queste persone, continuamente impattano la vostra coscienza e così, come noi impattiamo la loro, ecco perché avvolte dopo che avete avuto magari un bellissimo festival, vi portate in uno splendido Stato, tornate a casa, diciamo che per esempio a casa tutti i membri della vostra famiglia  erano sempre in uno stato di grande sofferenza, per quanto tu provi a cambiare le cose la loro sofferenza continua a impattare la tua coscienza, ma diciamo che voi siete invece in una grande connessione, potreste essere voi a riuscire a impattare loro. Quindi è molto importante che noi ci accertiamo che i membri del nostro circolo dell’anima, rapidamente si portino in un bello stato, in modo che l’ecosistema intorno a voi sarà talmente perfetto che voi sarete in grado di vivere nella coscienza dell’uno in un bellissimo stato la maggior parte, la stragrande maggioranza del tempo, ecco perché è importante che portate attenzione al circolo dell’anima e fate attenzione che tutti i membri imparino rapidamente l’arte di vivere in un bello Stato. Ok grazie. Qualcun altro. Sembra che le domande siano terminate

Kumarjidice Annie, sono Anna scusa Namaste scusami. Hai parlato di questo circolo dell’anima, quindi significa chiunque con cui ci siamo connessi, cioè voglio dire ovviamente il tuo partner deve far parte di questo circolo ma davvero tutti chiunque hai avuto un’interazione significativa, anche in un aereo, chiacchiere col vicino, voglio dire è per questo che dici alla fine tutti fanno parte in ultima analisi di questo circolo?

Kumarji: Non è che tutti quelli che hai incontrato nella vita ne fanno parte non è così che li definiamo. Chiunque abbia lasciato un’impressione importante nella tua coscienza o tu l’hai lasciata nella sua, questo continua a rimanere membro del circolo, anche se vi siete separati, diciamo che hai avuto un partner vent’anni fa, adesso vi siete separati però avete condiviso delle esperienze importanti un pezzo di vita, E una parte di essa ha lasciato un’impressione nella tua coscienza e una parte della tua esperienza ha lasciato un esperienza nella sua coscienza,  ora anche se vi siete separati, tuttavia ci sarà questa influenza di uno sull’altro perché avete condiviso delle esperienze comuni e hanno lasciato un impressione nella vostra coscienza. Quindi di solito ci sono i genitori, i figli i partner o ex partner e gli amici stretti importanti che hanno avuto un impatto, un importanza su di voi ok grazie.

C’è una domanda nella chat tedesca, riguarda lo stare in un bello stato o in un cattivo stato di notte. Quando dormi ha senso parlare di questo che magari influenza quando sono sveglia. Non ho capito la domanda dice Kumarji. Di giorno o di notte uno stato di sofferenza o bello rimane sempre quello non c’è niente a che fare con il giorno o la notte, ma dice JANET che traduce, quando noi sogniamo o meglio quando dormiamo, quando sei nel sonno sei in uno stato rilassato, Quindi è una domanda abbastanza ipotetica non penso che sia così rilevante. Cosa succede se vado nello spazio staro bene oppure qual è lo stato degli animali che sono nella giungla, sono delle domande poco collegate e non così importanti ci sono altre domande ancora? 

E allora vogliamo continuare, andiamo nella parte degli insegnamenti ora. 

INSEGNAMENTI

E se voi tutti lo sapete forse stiamo parlando degli insegnamenti sulle relazioni, quindi andiamo ad ascoltare un altro insegnamento da Preetaji che riguarda le relazioni.

Namaste.  Cerchiamo dei cambiamenti, come ci relazioniamo e come ci relazioniamo cambia anche quello, se abbiamo dei cambiamenti e la vita cambia anch’essa. Come è stata la vostra giornata oggi. 

Per favore prendete un paio di respiri lenti e profondi e diventate consapevoli del viaggio che fa l’aria quando entra nel nostro corpo e del viaggio che fa quando esce dal vostro corpo.

Ora andiamo a vedere la intuizione di oggi.

 L’esperienza della solitudine ha molto di più a che fare con il confinamento del vostro pensiero che con una mancanza di compagnia.

 L’esperienza di solitudine ha molto più a che fare col pensiero confinato che con una mancanza di compagnia fisica.

 Vi siete mai sentiti alienati anche quando eravate in mezzo a un gruppo oppure vi siete sentiti soli in mezzo a una conversazione, vi isolate forse a causa della solitudine?

 Contemplate su questi momenti e vedrete che l’assenza di attività o di persone non è il vero problema, piuttosto lo è la vostra incapacità di connettervi o di sentirvi connessi che causa questa solitudine.

 Se non riuscite a connettervi quando siete catturati da emozioni conflittuali o problemi irrisolti, emozioni come paura, rabbia,  solitudine che vi disconnettono da questo momento, o dolore e voi diventate preoccupati da voi stessi e così con i vostri pensieri create tristezza, alienandovi dagli altri e creando disconnessione e distanza.

 Vogliamo meditare ora per alcuni momenti.

 Continuate a tenere gli occhi chiusi e meditate su questa particolare intuizione che ci ha dato Preetaji.

Allora Preetaji dice: 

 L’esperienza della solitudine ha più a che fare con un confinamento nel vostro pensiero piuttosto che con una reale mancanza di compagnia.

 Ve lo ripeto l’esperienza della solitudine ha più a che fare con il confinamento nel vostro pensiero che con una mancanza di compagnia. 

Mi sentite dopo aver ripristinato il collegamento. Allora lasciate che ripristino le cose con il mio telefono.

 Allora quello che dice Preetaji, ogni volta in cui voi vi sentite in questa solitudine, l’esperienza della solitudine ha molto di più a che fare, con un confinamento nel nostro pensiero e non è un fatto di mancanza di compagnia.

Quindi prima di tutto Preetajici chiede, è forse la nostra incapacità di connetterci, o di sentirci connessi che effettivamente causa questa solitudine, perché ogni volta che noi veniamo presi da qualche conflitto mentale non risolto come insicurezza, dolore, paura, rabbia ci renderanno queste emozioni molto disconnessi dal nostro presente, e quindi ci faranno andare nella solitudine. Prendete solo qualche momento per contemplare su questa intuizione su questo aspetto riguardo alla vostra vita.

Adesso meditiamo.

 Mettetevi in una posizione comoda e chiudete gli occhi.

 Portate l’attenzione al vostro respiro: ispirate dal naso ed espirate dalla bocca.

Fatevi questa domanda: se voi forse tendete a sentirvi soli, molto spesso forse vi nascondete e state lì a rimuginare in voi stessi perché c’è a causa di questa solitudine di questo senso di solitudine e questo vi allontana, dalle persone, questa vostra sensazione, in quali attività vi impegnate allo scopo di sfuggire da questo senso di solitudine, quali conflitti emotivi vi fanno sentire preoccupati e come cercate di evitare la connessione con le persone.

Ora dolcemente posizionate i palmi delle mani sul cuore, al centro del cuore e respirate lentamente.

Visualizzate o sentite la presenza dell’intelligenza universale come una luce dorata luminosa nel vostro centro del cuore, sentite quella presenza amorevole e benevola.

Ora mantenete un’intenzione sacra, o una preghiera affinché voi vi possiate allontanare da questa preoccupazione di se e da queste emozioni abituali e conflittuali, per aprire il vostro cuore al connettervi con le persone.

Ora vedete una luce dorata luminosa nel centro del vostro cuore, che irradia luce dorata e riempie l’intero essere con la sua presenza amorevole.

Ora sentite la gratitudine che riempie il vostro cuore.

Respirate lentamente e permettete a voi stessi di immergervi in questo stato di gratitudine. 

Fate un respiro profondo e ora potete gentilmente aprire gli occhi.

Allora come vi sentite tutti quanti? bene.

Quindi abbiamo visto che la solitudine non è mancanza di compagnia, la solitudine vi accade quando voi siete preoccupati dal processo di pensiero, e il processo di pensiero spesso gira intorno ai vostri conflitti irrisolti, o ai dolori, e alle ferite irrisolte, quando qualcuno è talmente avvolto dal proprio pensare, in maniera del tutto naturale vi disconnettete dagli altri e la disconnessione è quello che vi fa sentire soli.

 Quindi la solitudine non è per il semplice fatto che non avete compagnia, a volte potete sentirvi soli in mezzo a 100 persone. A volte potete stare seduti soli e pure non vi sentite soli, vi sentite molto connessi, quindi non ha nulla a che fare, con la assenza di altri. È chiaro a tutti? 

 Potreste pensare e allora che cos’è tutta questa importanza che diamo al parlare della solitudine. Quello che dovete capire è che la solitudine vi porta un senso di separazione, questo senso di solitudine, e la separazione è la causa di molti problemi nel mondo.

 Il senso di separazione è la radice di molti problemi nel mondo, ecco perché è molto importante che noi portiamo attenzione a questa solitudine e portiamo un ulteriore attenzione al rendersi conto che questa solitudine fondamentalmente è la nostra incapacità di connetterci a causa di questo lasciarci avviluppare da questi pensieri che girano intorno a noi stessi a causa di conflitti irrisolti e quindi potete chiedere al divino, chiedere aiuto oppure potete anche portare attenzione al processo che accade internamente a voi e quindi questo costante impegnarsi in una conflittuale emozione irrisolta, il che vi fa sentire disconnessi da tutto il resto.

 E potete vedere come questa disconnessione deriva dal fatto di non essere presente a nulla, ecco perché Preetajidice che riguarda il vostro pensare che viene messo tutto intorno ai vostri conflitti irrisolti. È chiaro per tutti?

 Non è perché il papà vi ha abbandonato, la mamma vi ha abbandonato, non è perché il marito o la moglie non vi dice delle cose carine, riguarda solo voi.

Quindi se voi riuscite a far sì che il vostro stato interiore sia calmo e bello in maniera del tutto ovvio incomincerete a connettervi con le persone.

 E quando cominciate a connettervi con le persone non sentirete alcuna solitudine e quindi la soluzione dovete imparare a trasformare il vostro stato interiore da quello di limitazione, confinamento, preoccupazione, a uno stato di espansione.

Quindi prima di andare a fare la pratica della Soul Sync, andiamo a vedere qual è l’intenzione che è opportuno tenere nel nostro cuore. 

L’intenzione che tutte le persone che sentono questa solitudine, che comprendano che per loro ciò che occorre è portare attenzione a questo e dissolverlo. Quindi possano capire che è importante trasformare il loro stato, da uno stato di sofferenza a un bello stato.

 Vogliamo scegliere e mantenere questo intento all’interno della Soul Sync . Bene. Ora possiamo fare tutti la pratica della Soul Sync insieme.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...