Community Call 14/04/2019

Relazioni – puntata 17

Introduzione

Kumarji: namaste, benvenuti a tutti alla community call. Come al solito cominciamo con le nostre condivisioni, saranno seguite da domande e risposte, poi andremo ai principi di saggezza, gli insegnamenti, il processo meditativo e poi faremo la pratica della Soul Sync con un’intenzione comune. 
Stiamo facendo la serie delle relazioni e quindi continueremo ad avere gli insegnamenti basati su questo, sulle relazioni quindi, tanto per cominciare, come tutti voi sapete la condivisione è qualcosa di davvero importante nel contesto della trasformazione. Con la trasformazione di se stessi si aiuta anche la trasformazione delle altre persone quindi, quando voi condividete, ciò che accade è che voi state riconoscendo ciò che avete ricevuto il che è gratitudine. La gratitudine rende sempre completa un’esperienza e non soltanto, quando apprezzate qualche cosa l’universo lo comprende come qualcosa di cui ne volete di più e quindi l’intelligenza universale vi darà quello che volete ancora di più, quindi se sono miracoli ne accadranno di più, se sono cose meravigliose ne accadranno di più, se è abbondanza della ricchezza o il denaro che viene, verrà moltiplicato e verrà nelle vostre vite,quindi la dinamica è questa. Perciò anche se noi abbiamo un’opportunità in cui possiamo veramente generare una moltiplicazione della nostra ricchezza e renderla più potente, anche se questa è una opportunità per avere delle relazioni molto amorevoli e gioiose, è giusto utilizzare questa opportunità per condividere, per assicurarsi di poter moltiplicare le cose perché ciò accade quando facciamo adesso le condivisioni. E poi, quando qualcuno ascolta con attenzione le vostre condivisioni, accade qualcosa di simile anche nella loro coscienza e nella loro vita. Quindi quando vuoi condividere te, e qualcun altro vi ascolta con attenzione, la sua coscienza viene connessa con questo e in modo naturale tutto l’universo aiuterà anche l’altra persona veramente ad avere dei Miracoli nella propria vita. Quindi è una situazione in cui tutti ci guadagnano: sia chi condivide, sia chi ascolta e partecipa con attenzione, per entrambe le categorie di persone è una situazione vincente. Quindi la condivisione gioca un ruolo davvero importante nel nostro lavoro. 
In secondo luogo, passeremo a domande e risposte per avere maggiore chiarezza, perché soltanto quando la mente è chiara e ha chiarezza si tranquillizza e se non si tranquillizza, le esperienze non sono abbastanza potenti, potreste avere qualche flebile esperienza ma magari potreste anche non averle per nulla, quindi è molto importante avere chiarezza su questi temi. Ovviamente gli insegnamenti che voi conoscete, gli insegnamenti di saggezza. Quando voi osservate la vostra vita alla luce degli insegnamenti e anche osservate le situazioni di vita, ciò che accade è che voi troverete un’intuizione nella circostanza della vostra vita e questa intuizione sarà un po’ come una pietra angolare per il dissolvimento della sofferenza. Quando voi avete questa intuizione è come se voi stiate tirando via una pietra angolare di un intero edificio di sofferenza e quindi significa che una grandiosa sofferenza se ne va via e c’è un vortice di coscienza dell’io che viene dissolto. Questo è ciò che accade quando noi impariamo gli insegnamenti e applichiamo gli insegnamenti nella nostra situazione di vita. Ovviamente i processi sono un qualche cosa che vi fa accelerare per riflettere e applicare gli insegnamenti e misticamente potete arrivare in un bellissimo stato, in modo che questo vivere in un bellissimo stato, effettivamente vi aiuterà ad avere una bellissima vita. 
Quindi ogni componente in questa community call è progettata e pensata in maniera che voi possiate avere il massimo beneficio da questi circa 70-80 minuti di tempo. Quindi spero che voi tutti comprendiate questo e possiate utilizzare dall’inizio fino alla fine. Ogni cosa che noi facciamo ha una sua rilevanza. Se voi riuscite veramente davvero a partecipare in questo con tutto il cuore, comincerete ad avere delle esperienze di trasformazione in varie situazioni. Questo è quello che accade.

Condivisioni

Allora, cominciamo con qualche condivisione. C’è qualcuno che vuole condividere? Vorrei lasciare aperte le condivisioni oggi, se qualcuno desidera condividere può alzare la mano. Nessuno? Sono tutti taciturni. Abbiamo un centinaio di persone collegate nella chat europea. Quindi nessuno fino ad ora ha avuto nulla da condividere, dico bene? Ok?

Daika: io posso condividere. Volevo parlare del vivere gli insegnamenti. Io sento sempre di più che ripetendo gli insegnamenti, stanno andando in profondità e io sento che spesso, sempre più spesso, ritorno a delle situazioni di vita, quindi lentamente ritornano e io mi sento molto felice per questo, perché ha reso la mia vita molto più facile, posso andare a fare cose che magari non trovavo molto piacevoli e le risolvo in maniera semplice e veloce, quindi veramente mi è di aiuto la cosa e sono veramente molto grata per questo. Grazie. 

Kumarji: Bello. Fantastico.

Lila: posso condividere anch’io? Vorrei condividere quanto, portare attenzione alle altre persone, mi dà tanta gioia. Vedere quanto è bello semplicemente ascoltare dentro me stessa e percepire la connessione con le persone che parlano, mi dà moltissimi nuovi amici, mi apre a una nuova vita per me e sono molto grata per questi insegnamenti e sono molto felice perché riesco ad ascoltare meglio le altre persone. Non aiuta solo me ma anche le persone intorno a me quindi grazie tantissime.

Kumarji: meraviglioso. Penso che qualcuno sia appena tornato dal livello 4, se volete potete condividere l’esperienza veloce dell’OCAC4. Si Karin, vuoi dire qualche cosa? Non ti riusciamo a sentire. Adesso si, un po’ piano ma speriamo che aumenti il volume.

Karin: …sto lavorando adesso…..l’ho mandato all’universo ed è arrivato. 

Kumarji: qualcun altro che vuole condividere? Sì, c’è qualcuno.

Buonasera, mi sentite?       – Si ti sentiamo – 
Già da alcuni anni ho avuto un conflitto con mia madre, anche con mio figlio, per alcuni problemi complicati. Di solito non mi piace andare a visitare mia madre, soprattutto mia madre, ma ieri stavo facendo un po’ di compere, di acquisti e mi sono detto “Vabbè diamole una chiamata e chiediamole se posso fare un salto da lei e cenare insieme” e quindi l’ho fatto, ho comprato un po’ di cibo. Era sorpresa che le avessi fatto questa domanda di cucinare e mangiare insieme, mi ha dato un grande sollievo quando è arrivata oggi, era per oggi l’invito. E mia madre era amichevole e anch’io sono riuscita a essere amichevole, abbiamo avuto un ottimo pranzo e abbiamo avuto anche un buon pomeriggio ed è già da un anno e mezzo che faccio la pratica della Soul Sync e anche la ‘mente serena’, anche settimanalmente, a volte due volte alla settimana, il venerdì sera con la Community Call, anche olandese e ogni domenica sono qua sullo schermo per seguire questa cosa, quindi è sicuramente grazie al fatto che sono stata in grado di seguire questa possibilità del gruppo europeo che la mia la mia zona di comfort è diventata più grande. Insomma, si è stretta quella scomoda ed è diventata grande come un oceano quella comoda e volevo dire grazie a tutti voi, in particolare a te Kumarji. Grazie Namaste.

Kumarji: Fantastico, molto bello. Un’altra condivisione? …Si, prego.

Posso condividere io? 

Allora sono da 6 anni che ho avuto l’aiuto della disoccupazione e ho potuto diminuire l’utilizzo di alcol e di medicine. Ero andato ad un meeting (dove ha conosciuto la persona della quale si riferisce) quando avevo tantissima sofferenza, quando ero più giovane; adesso ho due figli piccoli, ho una moglie e va tutto bene. Quindi mi ha portato, mi è stato dato, bonariamente, un calcio nel sedere in quell’incontro e mi ha fatto incontrare questa persona a questo meeting per dipendenze e io ho avuto questa esperienza, ho detto “Ma perché ci stiamo incontrando insieme?”. Adesso che eravamo lì tutti seduti a questa riunione, tutto l’universo mi è venuto giù, ho visto come questo mi aveva aiutato in questi sei anni, quando ero in una pessima forma, la moglie e i figli, il lavoro duro e adesso tocca a me di aiutare lui ad avere una vita migliore, a uscire dalla sofferenza e lui si è dimostrato così buono nell’ultima settimana e sta vivendo nella mia casa, in un’altra casa. Adesso l’ho sentito al telefono e lui sta come fiorendo. Due sere fa gli ho veramente chiesto “Ma veramente ti vuoi uccidere?”, perché siamo in buoni rapporti, insomma in confidenza, e ha cambiato, inversione totale. Adesso posso vedere che lui fluisce in quelle cose, è venuto da me e abbiamo parlato di queste cose che lui non aveva mai fatto esperienza nella sua vita, di sincronicità. Tutto sta accadendo per lui adesso e quindi ho potuto veramente vedere perché ci siamo incontrati 6 anni fa, perché ci siamo cambiati la vita l’un l’altro in una maniera grandiosa, è stato veramente bello connettermi con lui ed è una cosa bella vederlo e anche per me è la cosa migliore.

domande

Kumarji: quindi andando oltre. C’è qualcuno che ha delle domande per caso? Allora vi faccio una domanda io.  Allora io vorrei fare una domanda a voi: che cos’è che voi vorreste dare a qualcuno che amate molto, che cosa gli augurate di solito? Chiunque può rispondere. Chiunque che partecipa veramente. “Buona salute” E poi? Se dite che amate che cos’è che gli augurate? “Di fare esperienza di bellissimi stati” E poi? “Felicità e poi una vita sana” dice Daiga. Qualcuno dei tedeschi dice di avere un contatto con il divino. Di avere un contatto con il divino sì e poi che altro ancora gli augurate? “Abbondanza”. Se avete una moglie o un marito che amate tanto, qual è il desiderio nel cuore per loro a causa del fatto che li amate così tanto. Herbert dice abbondanza e una potente connessione. “Risveglio” “Longevità” “Che comincino ad amare se stessi”. Bene, voi augurate queste cose fantastico, la direzione dei vostri auguri è bellissima, la domanda è: qual’è l’azione che voi compiete per far avvenire questa cosa alla persona amata? Poiché noi abbiamo visto ieri nel corso al Power of Being che per manifestare qualche cosa nella vitache potremmo chiamare destino, un grande destino, lo perseguite in tre modi. Può essere con: un conseguimento inferiore, uno medio comune, oppure uno superiore, di conseguimento. Il conseguimento inferiore è che voi andate avanti a sognare, lo augurate a voi, agli altri e sognate ma non fate nulla. È la storia di quell’uomo pigro del villaggio che tutti conosciamo che da un calcio al vasetto della farina, mentre sogna che avrebbe sposato…, diventa ricco e poi la moglie non.., faceva stare zitto il bambino e quindi insomma alla fine si distrugge tutto. Questo è sicuramente un perseguimento inferiore di quello che possiamo manifestare. Il secondo perseguimento è ordinario, normale in cui voi cominciate con qualche grande intento, farò questo, farò quell’altro, si parla tanto ma se c’è qualche esigenza di portarsi fuori dalla zona di comfort, voi dite vabbè scordiamocelo, non lo volete fare, non andate oltre. Fintanto che si sta nella zona di comfort, ok, si può saltellare un po’ qua e là con l’entusiasmo, si fa qualche cosa, ma se si va oltre non siete più interessati a questo. Questa è la risposta ordinaria, media, comune. Non è che voi abbiate torto o siate cattivi, si tratta semplicemente di vedere a che punto siamo nel nostro perseguire la nostra intenzione o intento di vita, però ci sono anche delle persone che hanno quello che è chiamato perseveranza o continuità. Il che significa che quando decidono che vogliono ottenere qualcosa o far avere qualcosa agli altri, faranno di tutto perché accada. Si assicureranno che ciò avvenga e cercheranno di portarsi nella direzione dell’imparare, del fare, in modo che loro possano andare dove vogliono arrivare, questo è chiamato impegno. Oppure possiamo anche chiamarlo essere totalmente connessi e essere presenti. Questo è un perseguimento superiore. E in questo caso non si tratta soltanto di essere inattivi, quello inferiore, non è solo quello agire senza intelligenza, che è quello medio, ma questa particolare azione, emerge soprattutto da quello che noi chiamiamo un’azione intelligente, essere in grado di fare le cose giuste, in modo che accadano le cose giuste. Fare qualche azione può non bastare, bisogna fare la giusta azione. E poi allora arriva la domanda ‘Come si fa a fare la giusta azione? Ad arrivare alla giusta azione?’. Se deve arrivare la giusta azione, dovete stare nella coscienza dell’uno. Fintanto che voi siete nella coscienza dell’io, dal momento che siete bloccati in un pensiero centrato su se stessi, siete in uno stato di disconnessione e non siete in sincronia con l’universo quindi ovviamente le vostre azioni non vi porteranno i frutti che vi servono. Se voi potete imparare a vivere in un bellissimo stato e a stare nella coscienza dell’uno, questo è uno stato connesso. Allora solo in questo stato di connessione voi sarete in grado di fare le giuste azioni, quando siete in questo stato tutto l’universo è utile per voi, fate le giuste azioni e queste azioni aiuteranno voi e anche gli altri. 
Quindi se voi volete dare qualcosa agli altri e augurate qualcosa agli altri, dovete essere molto, molto, molto chiari, avere molta chiarezza su ciò che volete che l’altra persona abbia o riceva. Solo così. Dal momento che voi avete questo senso di sacralità, sapete la preziosità di questo, lo potrete dare anche all’altra persona con lo stesso atteggiamento di preziosità, altrimenti seguite solo degli ideali quindi parlate, parlate, ma anche voi stessi non sapete che cos’è. Questo è il modo in cui funziona tutto il mondo, si parla ma senza sapere di cosa. Però la O&O Academy si assicura che quando voi dite qualche cosa, sappiate esattamente di cosa stiate parlando. Quando date qualcosa a un’altra persona, dovete sapere quanto è preziosa questa cosa, quando la date a un’altra persona, perché solo se voi sapete quanto è preziosa quando la date all’altra persona, anche l’altra può conoscerne a sua volta quanto è preziosa, altrimenti magari non danno valore alle cose. Il problema nelle relazioni è che, voglio dire, voi non date veramente valore a ciò che state cercando di fare avere alle altre persone. Dite “Io voglio che mio figlio abbia amore per tutti” ma voi stessi non sapete cos’è l’amore e quindi è più un ideale, è un concetto che cercate, è uno schema nel quale volete entrare come una cornice, non funziona perché quello che funziona non è strategie, non è degli schemi, è un lavoro nella coscienza, è qualcosa che voi fate nella profondità della vostra coscienza, quindi non è qualcosa di superficiale. Qualunque cosa che sia la superficie è come un cosmetico, serve solo per farvi belli davanti agli altri, ma se voi volete veramente genuinamente fare esperienza della vita, se volete veramente godervi la vita, se volete veramente avere un impatto, se volete veramente essere un essere umano consapevole, un nuovo essere umano, evoluto nella coscienza, dovete sinceramente toccare gli insegnamenti dell’Accademy e dovete tuffarvi approfonditamente in questo viaggio e così allora potete capire quello che può fare per voi. Quindi non è abbastanza augurare qualcosa di buono agli altri dovete intenderlo veramente e quindi al punto da assicurarvi che l’altro lo riceva, ma ovviamente dovete farlo da un bellissimo stato di connessione, non da uno stato di tensione o di rabbia o di dolore per dimostrare che siete validi. Spesso quando auguriamo del bene agli altri è per farci vedere noi, questo non funziona, tutto il centro di questo lavoro è il nostro stato interiore, questo è decisivo, questo vi dà la direzione e vi dà la giusta profondità. Mi state capendo? Mi state seguendo? Ha senso per voi? Quindi, pensate di augurare il bene ai vostri figli, ma magari non volete essere chiamati un genitore irresponsabile e quindi partite dalle vostre paure di quello che direbbe il mondo di voi. Quindi partiamo da uno stato limitante ma esternamente noi facciamo vedere che auguriamo il bene alle altre persone. Nello stesso modo, prendete qualunque relazione che volete voi, in particolare se si vive senza un bello stato, se c’è solo rabbia, delusione, frustrazione, dolore, ferite, è impossibile veramente connettersi. E, magari esternamente possono dire delle cose carine, ma non le pensano veramente o non hanno nessun significato neanche per loro, quelli che le dicono. Ecco perché dovete capire che non ha importanza quello che date alle altre persone ma, qualunque cosa che augurate che volete che l’altra persona l’abbia, dovete saperne voi per primi il valore, la preziosità, la sacralità di questa cosa, solo così l’altra persona farà sì che sia una priorità riceverlo e lo guarderà con lo stesso tipo di sacralità con cui l’avete guardato voi. Mi capite? Bene. Quindi, non è solo questione di augurare il bene alle altre persone, quando veramente voi date valore a questo, non sarete in grado di rinunciare al fatto che questa cosa accade. Potete lasciare andare, ma non rinunciare finché non vedete che l’altra persona riceve quella cosa, questo è il tipo di impegno, se voi sapete davvero che cosa date, che cosa state dando, volete dare all’altra persona, può essere l’impartire della conoscenza, può essere dare ricchezza, può essere dare delle meravigliose esperienze, può essere qualunque cosa, qualunque cosa. Allora il modo in cui voi percepite, vivete la vita, da quale stato vivete la vita è davvero molto importante. Ecco perché sto sottolineando di nuovo che è centrale per tutta la O&O Academy il vostro stato, in quale stato si è. È uno stato di sofferenza o si parte da uno stato bello? Qualunque cosa che voi fate, partite da uno stato di sofferenza o da un bello stato? state cercando di trovare un rimedio per uno stato di sofferenza o state cercando di rialimentare, sostenere un bello stato? Se state cercando di fare questo, allora siete solo egocentrici, centrati su di voi e non funziona. Vi è chiaro? E quindi riflettete su questo nelle prossime due settimane. Se volete dare qualcosa di prezioso ai vostri amici e parenti e in particolare se sentite che veramente hanno bisogno di connettersi con il loro Divino, dentro di loro. Se voi volete che loro, veramente, abbiano una vita felice, di abbondanza, se gli augurate che veramente, intendete, pensate quello che dite, che si vogliano risvegliare all’abbondanza, che si possano risvegliare alla coscienza della creatività, che si risvegliano alla coscienza della calma, che si possano risvegliare alla coscienza della connessione, di sentire queste cose, se voi conoscete queste preziosità, almeno dalla profondità di questo stato, cercate di connettervi con loro, cercate di dare almeno una cosa alle persone care, con molta sacralità e preziosità. Voi vedrete come la vostra stessa coscienza, con questa esperienza e il senso di sacralità, può impattare le altre persone per far sì che per gli altri sia una priorità ricevere questa cosa e essere felici nello stesso modo in cui lo siete voi. Quindi questo è perché voi possiate vedere, se lo potete fare, nella prossima settimana. Vi è chiaro?

INSEGNAMENTI

Allora ritornando ai nostri insegnamenti sulle relazioni. Vedete, le nostre relazioni riflettono il nostro stato interiore.Quindi possiamo avere una relazione con qualcuno da un bellissimo stato e possiamo anche avere una relazione con qualcuno da uno stato di sofferenza o da uno stato limitante di stress e tensione. Quali sono le relazioni più durevoli? Queste relazioni in cui siete in grado di connettervi con l’altra persona da un bellissimo stato. Ogni volta che voi cercate di connettervi con l’altra persona da uno stato di sofferenza, in primo luogo, non riuscite a connettervi perché lo stato non vi permette di connettervi. Ma se state superficialmente cercando di fare un dramma, una simulazione di connessione, non funziona. Possiamo dire che molti posti, la maggior parte dell’umanità, non trovate se guardate in giro, una manciata di persone che partono veramente da un bello stato connettendosi alle persone care. Se ci sono 100 persone, forse due sono in grado di connettersi da un bellissimo stato con gli altri, il resto di solito partono da uno stato stressante, di sofferenza. Ecco perché nessuna relazione veramente si sostiene nel tempo. 
Andiamo ad ascoltare un altro insegnamento di Preethaji, ovviamente se n’è già parlato, però voglio riproporvelo perché è davvero importante ora ascoltare questo particolare insegnamento. Quindi andiamo ad ascoltare Preethaji e poi andremo a commentarlo e ad approfondirlo meglio questo tipo di insegnamento. Chiudete gli occhi e ascoltiamo. 

Preethaji: Namaste. Quando cerchiamo cambiamenti, come ci relazioniamo e con chi ci relazioniamo, cambia anche quello, la vita stessa cambia. Com’è stata la vostra giornata oggi? Per favore fate un paio di respiri lenti e profondi, diventate consapevoli del percorso che fa il vostro respiro nel corpo e anche per uscire dal corpo. Ora andiamo a guardare l’insegnamento, la intuizione di oggi. L’esperienza della solitudine ha più a che fare con il confine che sentite nel pensiero che dalla mancanza di compagnia. L’esperienza della solitudine ha più a che fare con il confinamento del vostro pensiero che con una mancanza di compagnia. Vi siete mai sentiti alienati anche nel mezzo di un gruppo, isolati? O vi siete sentiti soli nel mezzo di una conversazione? Vi isolate per questa solitudine a causa di questa solitudine? Andate a contemplare questi momenti e vedrete che l’assenza di attività o di persone, non è il vero problema, piuttosto ha a che fare con la vostra incapacità di connettervi o di sentirvi connessi che causa questa solitudine. Non vi potete connettere quando venite colti dà dei processi mentali irrisolti. Conflitti ed emozioni come dolore, insicurezza, paura o rabbia, vi disconnettono dai momenti piacevoli, e vi imprigionano nella solitudine. Vi cominciate a preoccupare di voi stessi e così create una vita misera e triste, alienandovi dagli altri e creando disconnessione e distanza. Vogliamo meditare per qualche momento ora?

Kumarji: contemplate sugli insegnamenti semplicemente per alcuni secondi e poi passeremo alla meditazione. Tenete gli occhi chiusi e contemplate su questa cosa…. Adesso potete lentamente aprire gli occhi.
Allora, ci ha detto che l’esperienza della solitudine ha più a che fare con il sentirsi confinati nel proprio modo di pensare che con una vera mancanza di compagnia. Ripeto, l’esperienza della solitudine ha più a che fare con il sentirsi confinati nel pensiero che da una mancanza di compagnia. 
Quindi la domanda è: vi siete mai sentiti isolati, alienati, quando siete in mezzo a un gruppo di persone? A volte vi siete magari sentiti soli nel mezzo di una conversazione addirittura. La domanda è: la solitudine è causata dall’isolamento? Se noi andiamo a contemplare questi momenti e se possiamo vedere questa assenza di attività o di persone, che l’assenza di attività o di persone non è il vero problema. Quindi l’assenza di persone o l’assenza di attività non vi ha mai causato solitudine ma piuttosto è la nostra incapacità di connetterci o di sentire la connessione che causa quello che noi sentiamo come solitudine. Perché, ogni volta che noi veniamo presi da un particolare processo mentale irrisolto, quindi un conflitto, un dolore, qualunque tipo di emozione, insicurezza, rabbia, è del tutto naturale che noi ci portiamo verso un processo mentale irrisolto, continuiamo ad andare su questo pensiero e ciò che accade è che siamo totalmente disconnessi dal momento presente. È qui che ci sentiamo imprigionati in uno stato chiamato solitudine perché siete così preoccupati da voi stessi e dal processo di pensiero, dai vostri pensieri, che create miseria, tristezza o cose impulsive ed è questo processo che vi aliena dagli altri, vi crea disconnessione e vi distanza dalle altre persone. 
Allora lasciate che vi dia un esempio di questo: Jack è un uomo d’affari che possiede una grande azienda, ha una famiglia con una moglie amorevole e due belle figlie, ha fatto di tutto per rendere felice la famiglia e farli sentire a loro agio, gli ha dato tutto quello che gli serviva, alle figlie è stata data la migliore istruzione, lusso a casa, di tutto. Anche se esternamente hanno tutto ciò che sembra desiderabile, non riesce a sentire la gioia internamente perché la maggior parte del tempo lui si sente come se mancasse qualcosa e non è in grado di rendersi conto di che cosa gli manca. Lui pensava che fosse a causa della moglie che era troppo impegnata con le figlie e passava poco tempo con lui che gli faceva sentire questa solitudine (a questo Jack). Quindi lui, successivamente, ha cominciato a sentire che gli mancavano i suoi vecchi amici che una volta erano i suoi compagni di avventure che lo facevano sempre sentire felice e allora ha cercato di rientrare in contatto con loro, ma non era più la stessa esperienza di una volta. Ha cercato di passare più tempo con la moglie ma non riusciva a riempire il vuoto che sentiva dentro di lui e visto che questa esperienza continuava, si è distanziato da tutti. Questa sensazione si è intensificata e non sapeva più cosa fare. Effettivamente a questo punto si è sentito talmente triste che sua sorella lo è andato a trovare in questo periodo e ha capito che lui aveva bisogno di aiuto. E sua sorella, effettivamente, lei è una studentessa qui alla O&O Accademy, sono già diversi anni che viene qua, quindi è anche una trainer tra l’altro e ha aiutato molte persone a uscire dallo stato di stress e quindi lei gli ha suggerito di visitare la O&O Accademy in India e di andare a fare un viaggio di 7 giorni. Dal momento che era talmente messo male, ha detto subito “Va bene”, cercava disperatamente aiuto. E quindi durante il processo, ci sono stati molti momenti di grande intuizione e delle esperienze per lui grandi, ma la più grande, sconvolgente esperienza è stata durante un processo mistico in cui lui ha compreso che la causa della sua tristezza, ha visto che era il suo stato di disconnessione. È stato scioccato di vedere la verità, di quanto lui fosse disconnesso dalla moglie e dalle figlie e ha potuto vedere chiaramente come era questo stato che gli provocava solitudine e non era la mancanza della presenza di altre persone. È stata un’esperienza che è stato come un grande peso sollevato dal suo petto, quindi era scioccato questo uomo di vedere la verità. Ha potuto vedere chiaramente come era il suo stato che gli provocava la solitudine e non era appunto la mancanza di altre persone. È stata un’esperienza che lo ha sollevato molto e poi ha avuto un’altra potente esperienza nella meditazione del Campo Illimitato, alla presenza di Krishnaji, in cui la sua coscienza si è risvegliata all’esperienza dell’amore e della connessione perché, stando alla presenza di Krishnaji, lui si è sentito profondamente connesso con sua moglie e con le figlie e c’è stato una tale esplosione di amore per ogni essere, e quello stato ha continuato in lui anche dopo il processo. Quindi, oggi, non importa in quale parte del mondo lui sia, si sente sempre connesso con la famiglia e con gli amici e fa tutto ciò che occorre per alimentare questo stato di amore e di connessione. Non è solo un uomo felice oggi ma è anche diventato un grande leader che impatta i suoi impiegati e il mondo, i suoi lavoratori e tutto questo gli ha portato dei grandi cambiamenti favorevoli nella sua organizzazione. Quindi, ascoltate attentamente questo è un punto importante: perché dovete avere un bello stato? Perché dovete fare esperienza delle cose? È perché voi saprete esattamente che cos’è e quanto è prezioso, ed è lì allora che voi sarete abbastanza continui nel coltivare questa perseveranza, per dare veramente quello che avete fatto, provato voi alle altre persone. Quindi, dal momento che molte persone non provano questo, è il nostro stato di disconnessione che ci fa sentire solitari e cominciamo a dare la colpa agli altri per la nostra condizione, oppure cerchiamo di scappare in vari modi da questo senso di solitudine, con vari piaceri, che ovviamente ci portano sempre tristezza perché non risolvono la cosa. Quindi la verità dei fatti è che, se voi veramente volete dare qualche cosa alle vostre persone amate, voi dovete essere in un bellissimo stato e dovete conoscere la preziosità di questo. Prendete la vita di questo uomo, soltanto quando lui ha capito quanto era disconnesso e che questo era la causa della sua solitudine, ha cominciato ad avere la connessione all’amore. Solo quando ha fatto questa esperienza, è stato in grado di impattare a livello della coscienza con la famiglia, sul lavoro, ed è stato in grado di portare molto successo nella sua vita. Vi è chiaro per tutti? Vogliamo andare a fare un piccolo processo meditativoper sentire la libertà da questa solitudine? Quindi per favore tenete la schiena dritta e chiudete gli occhi, inspirate profondamente dal naso ed espirate lentamente dalla bocca con totale consapevolezza, facciamolo per 7 cicli del respiro…. Adesso potete gentilmente riaprire gli occhi.

Quindi se volete fare qualche cosa per le persone amate, se volete veramente dare qualche cosa, prima di tutto sappiate il valore di questa cosa nella vostra coscienza come esperienza e poi potete portarlo agli altri e il vostro impegno sarà basato su una vera esperienza. Non ci saranno scuse che loro non se lo meritano, che le cose non funzionano, tutte queste sono delle fragili scuse rispetto al far funzionare le cose a livello della coscienza. Diciamo che voi veramente volete portare un bellissimo stato alla vostra o alle vostre persone amate, se avete veramente questa passione di creare veramente un bellissimo stato in loro e volete portare abbondanza nelle persone care, il dono che gli potete dare è il Campo dell’Abbondanza. Questo è il nostro impegno all’Accademy per assicurarsi che le persone imparino, che vadano a fare i 5 viaggi della vitai 4 segreti sacrii 3 risvegli nella coscienza
I 5 viaggi di vitariguardano il guarire il vostro bambino feritopoi la persona innamorata, dal passare da quello col cuore infranto a quello felice mentre è innamorato. L ‘altra è quello sulle relazioni come partner amorevole e poi ovviamente, come una persona che ha uno straordinario impatto, come genitore amorevolee infine l’altro viaggio della vita è di portarti in uno stato di Abbondanza
I 4 sacri segreti, sono i segreti che voi imparerete nel Campo della Abbondanza che formano la base della vostra vita e che formano la base di un’esperienza quotidiana di vita che impatterà ogni aspetto della vostra vita e delle persone intorno a voi. 
E poi ovviamente ci sono tre risvegli importanti:la coscienza calma. La maggior parte del tempo noi viviamo in uno stato di paura, temiamo tutto, temiamo la nostra stessa esistenza, fintanto che c’è paura, è impossibile rimanere calmi, è impossibile avere coraggio. Se questa paura vogliamo che si risolva, dovete risvegliarvi a una coscienza di calma e coraggio, o coraggio calmo. Il coraggio calmo è molto importante se volete acquisire qualunque cosa nella vita, se veramente volete vivere la vita alla profondità, fino al nocciolo, ciò che vi serve è uno stato di calmo coraggio, questo risveglio deve avvenire nella coscienza in modo che voi possiate cominciare a sentire come ogni momento della vostra vita è molto prezioso, è molto potente e può avere un grande impatto. Poi vi risveglierete alla coscienza connessa. Proprio oggi abbiamo visto negli insegnamenti che la mancanza di connessione è ciò che vi fa sentire soli, non ha a che fare con l’assenza di una persona o l’assenza di una particolare attività, questo non vi porta nessun tipo di noiosità. Questo deriva principalmente dal fatto che siete preoccupati moltissimo da un certo stato limitante e quindi voi non avete uno stato espanso, non riuscite veramente a connettervi, quindi lo stato di disconnessione si dissolve e uno stato di connessione si deve manifestare nella vostra vita. Senza uno stato di connessione è come non vivere, esiste semplicemente. Se qualcuno veramente vuole avere una vita, deve risvegliarsi a uno stato di connessione. Questo è molto chiaro. Poi, in terzo luogo l’importanza di risvegliarsi alla coscienza creativa. Se volete eccellere, se volete veramente emergere, fare qualche cosa di meraviglioso è molto importante risvegliarsi all’aspetto creativo della vostra coscienza, poiché ciascuno vuole creare abbondanza. Ma al giorno d’oggi creiamo abbondanza con strategie, usando molti metodi faticosi e quando arriviamo all’abbondanza che vogliamo non c’è niente di cui godere perché non è un’esperienza gratificante. Ma quando questo aspetto creativo si risveglia dentro di voi, la vostra creazione della ricchezza diventa leggera, senza sforzo, la creazione di belle relazioni diventa anch’essa senza sforzo. Di fatto, possiamo dire che, momento dopo momento siete in grado di creare una vita piena di potenti esperienze e grande coscienza che può avere un grande impatto. 
Tutto ciò che posso dire è, non soltanto in questi quattro giorni di insegnamento con Preethaji, ma Preethaji si accerterà che dopo, durante il periodo di 28 giorni, lei vuole che tutti possiamo veramente immergerci in questo stato ed essere sicuri che diventi parte della nostra coscienza. Non è soltanto imparare qualche conoscenza e poi andarsene via, ma piuttosto imparare in modo sistematico questa materia per 28 giorni e per diventare un differente essere umano, per risvegliarsi a una differente vita. E la vostra visuale si aprirà a una diversa vita, una vita molto consapevole, non una vita disinteressata dove le cose arrivano un po’ per caso. Ma se la vita veramente è importante per voi, se volete veramente che la vostra vita sia qualcosa di meraviglioso, il posto in cui potete farlo è venire al Campo dell’Abbondanza.

Quindi ora andiamo verso la pratica della Soul Sync, la grande pratica della Soul Sync la faremo con un’intenzione: che noi siamo in grado di donare a noi stessi e agli amici e ai parenti il Campo dell’Abbondanza, in modo che loro possano imparare questa arte di vivere in un bellissimo stato, trasformino la loro coscienza e diventino un nuovo essere per vivere con una coscienza in cui cominciano a fare esperienze e a godersi la vita con un modo completamente consapevole e conscio. Allora, vogliamo tutti mantenere questo intento oggi, comune a tutti quanti? Che noi siamo in grado di donare a noi stessi e ai nostri cari, la capacità di essere in grado di partecipare al Campo dell’Abbondanza, di vivere un nuovo tipo di vita. Manteniamo questo intento per la pratica della Soul Sync di oggi. Allora, cominciamo la pratica della Soul Sync. Mantenete la schiena diritta, chiudete gli occhi, sedetevi con la schiena diritta……. 
Se non l’avete ancora fatto, potete aprire gli occhi.

CONCLUSIONE

Prima di concludere la call, prossimo sabatoci sarà un nuovo incontro di ‘Potere dell’Essere’ (Power of Being) sabato alla stessa ora (15:00-18:00), se voi volete dare qualche cosa alle persone care li potete invitare, amici e altre persone a casa vostra e fare in modo che loro possano partecipare al ‘Potere dell’Essere’ che durerà 3 ore. Nell’incontro ‘Potere dell’Essere’ che faremo sabato prossimo sarà focalizzato sulla ricchezza. Quindi se qualcuno veramente vuole venire al Campo dell’Abbondanza ma non ha i soldi, forse il modo migliore per andare nel processo è fare quello del potere dell’essere in cui magari gli potrebbe avvenire un miracolo, tramite la trasformazione e magari può anche andare al Campo dell’Abbondanza, a quel punto. 
Quindi invitate i vostri amici, parenti, al ‘Potere dell’Essere’ che avverrà sabato prossimo. 
Ci vediamo tutti lì. Grazie moltissime per essere venuti alla call e Namaste. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...