Global Call Aprile 2019

Namaste,

come state tutti? Io sono Narasimha Kumar, docente della O&O Academy.

Avete continuato a esercitarvi nell’ultimo mese per preparare la vostra coscienza a risvegliarsi alla coscienza dell’abbondanza? Anche nel corso del prossimo mese continueremo il nostro viaggio per prepararci.

Prima di approfondire la conoscenza di noi stessi, rendendoci conto che viviamo in una coscienza limitante e che ci impoverisce, prendiamoci alcuni minuti di pausa per centrare la nostra attenzione.

Sedete con la schiena dritta

chiudete gli occhi

sentite quanto siete a vostro agio nel vostro corpo

rilassate consapevolmente qualsiasi tensione in ogni parte del vostro corpo

portiamo ora l’attenzione al respiro

osserviamo il fluire naturale del respiro

fate respiri lenti e consapevoli

Inspirando, sentite l’addome sollevarsi;
espirando sentite l’addome che si contrae

Fate 7 respiri consapevoli in questo modo

sentite la vostra attenzione centrata in questo momento

dolcemente aprite gli occhi.

Krishnaji dice: “quasi tutte le persone vivono con un atteggiamento mentale di scarsità più che con una coscienza di abbondanza, con un senso di vuoto anziché di pienezza. A meno che non avvenga una trasformazione nella vostra coscienza, l’abbondanza non si manifesta.

Come si manifesta questo vuoto nella nostra coscienza?

Il vuoto interiore può essere vissuto in 4 stati differenti, che compromettono la capacità della coscienza di manifestare l’abbondanza. Questi stati creano ostacoli e problemi nella vita che sfociano in povertà o mediocrità.

Anche ora mentre seguite la lezione, portate l’attenzione all’interno e osservatevi.

Il primo tipo di persone sono coloro che cercano di avere più ricchezza, salute, bellezza, fama, partendo dalla sensazione di non avere abbastanza o di non essere abbastanza. Non li avete ereditati e vivete confrontandovi con coloro che li hanno.

Potete anche avere talento e intelligenza ma fintantoché partite dalla sensazione di non essere abbastanza e dalla speranza di diventare abbastanza acquisendo di più, non siete allineati con la coscienza e nemmeno con l’universo. Perciò o i vostri sforzi non daranno i frutti sperati, oppure dovrete fronteggiare problemi superflui nel vostro percorso.

Fate pausa per un momento e pensate:

Siete anche voi fra coloro che cercano di creare ricchezza partendo dalla sensazione di non valere abbastanza?

In quali momenti della vostra vita avete creato ricchezza partendo da questo stato di coscienza e quali sono stati i risultati?

Il secondo tipo di persone sono coloro che si sentono feriti dalla vita. La ferita in una relazione o nei confronti della vita o perché non è stato riconosciuto il loro vero valore o gli si è mancato di rispetto oppure sono stati trattati con scortesia.

È questa ferita che li spinge a creare ricchezza sperando di provare un senso di potere che li attraversa e di dare una lezione al loro oppressore.

Finché partite da questa ferita la vostra coscienza non vi permette di manifestare intelligenza e un aumento del benessere. L’universo non è allineato con voi nei vostri sforzi.

Fate un momento di pausa e osservate:

I vostri sforzi per creare ricchezza derivano dal bisogno di dimostrare, dal lottare contro il non essere abbastanza?

Il terzo tipo di persone sono coloro che vivono nella paura di perdere ciò che hanno. La loro coscienza non gioisce dei successi o della ricchezza creati ma sprofonda sempre più nella paura di perdere quello che c’è. Presi dalla paura di perdere rispetto, amore, prestigio e ricchezza, i vostri sforzi vengono indirizzati a proteggere e afferrare altre cose.

Fintantoché siete presi dalla paura di perdere ciò che avete, vivrete lottando contro un nemico che non esiste e perciò siete disallineati con l’universo. Vedete problemi dove non ce ne sono e diventate sciocchi.

Fate un momento di pausa e osservate.

Siete anche voi qualcuno che è preso dalla paura di perdere? Che cosa temete di perdere?

Il quarto tipo di persone sono coloro che si sentono inferiori a prescindere da quante cose abbiano nella vita. Non c’entra quello che hanno o che non hanno. Vivono con un profondo senso di mancanza.

Finché vivete con un senso di mancanza non potete apprezzare la vita. La vostra coscienza non vede o non percepisce l’abbondanza. Siete disconnessi dalla vita e perciò non potete avere abbondanza.

Fate un momento di pausa e osservate: state vivendo con un senso di mancanza? In quale aspetto della vostra vita ne soffrite? 

Lasciate che vi racconti il viaggio di un ricercatore.

Nato in una famiglia mediocre senza alcunché degno di nota – niente conoscenze sociali importanti, niente ricchezze di cui parlare o con cui concedersi comodità, nessuno da accogliere. Sì è affidato ai propri meriti, lavorando sodo, e alla propria intelligenza. A cominciare dagli studi accademici si è messo in luce fra i suoi pari, conquistandosi un posto nella società fra milionari e miliardari. Poi ha mostrato la sua brillantezza superando tutti nella capacità di vincere le sfide e si è imposto come imprenditore di successo.

Il suo percorso di carriera è stato tracciato dal dono della creatività, dalla naturalezza nello scrivere e nel design. Da un lato è diventato un grande scrittore e dall’altro si è affermato con una famosa marca di abbigliamento.

Tuttavia nulla di ciò gli bastava per rispettare se stesso e vivere in pace. La ferita della vita che si era accesa in lui da bambino continuava ad alimentarsi bruciandolo dall’interno.

Ha continuato a spingersi verso maggiori successi, ricchezza e ostentazione della sua ricchezza. Orgoglio e arroganza hanno messo radici in lui e sono iniziate le perdite. Inizialmente le perdite non lo hanno preoccupato troppo. Ma non ci è voluto molto perché i morsi della perdita affondassero nel suo cuore straziandolo con un conflitto e senso di fallimento che lo hanno completamente devastato.

I suoi libri hanno svelato troppi segreti sulle vite del suo circolo di conoscenze e sono state aperte una serie di cause per violazione della privacy. Nel mondo del design, non è più riuscito a stare al passo con i concorrenti. Ha perso finanziamenti e sostegno. Si è trovato pro

fondamente ferito. E si è bruscamente risvegliato di fronte alla realtà del danno che aveva causato a se stesso. E si è affrettato a venire qui alla Academy.

È stato durante la meditazione del campo illimitato con Krishnaji che tutti i pezzi del puzzle sono tornati al loro posto. Ha visto come la sua coscienza sconnessa e limitante lo aveva portato al fallimento e alla distruzione totale nella sua vita.

La sua coscienza si è impregnata con la presenza del divino e si è sentito illimitato, vasto ed espanso. Il tempo si è fermato. I confini sono svaniti. E da lì una serie di miracoli e sincronicità si sono realizzati nella sua vita. La creatività ha cominciato a fluire costantemente in lui. Le giuste persone sono state attratte verso di lui portando opportunità, crescita e ricchezza.

È risorto come una fenice dalle sue ceneri.

Krishnaji dice: “l’abbondanza nella vita si manifesta soltanto a chi è pieno e integro internamente. Solo uno stato bello e ricco della coscienza può accedere al trascendentale e manifestare abbondanza in tutti gli aspetti della vita.” 

Durante il festival dell’abbondanza i profondi processi magici a cui parteciperete taglieranno via tutte le limitazioni della vostra coscienza, risvegliandola all’abbondanza. Vivrete allineati con l’universo manifestando abbondanza in ogni aspetto della vostra vita.

Facciamo questa meditazione

Per favore sedetevi con la schiena dritta

chiudete gli occhi

connettetevi allo stato limitante da cui state perseguendo l’abbondanza

riconoscete il vostro stato limitante

Sentite il conflitto interiore e come vi sta risucchiando l’energia

osservate come questi stati disturbati vi tengono impegnati dentro di voi

Ora riconoscete l’esperienza di vita limitante che nasce da questi stati limitanti di coscienza.

connettetevi al divino nel vostro cuore e formulate l’intenzione che questi stati limitanti si dissolvano nella vostra coscienza. Che l’abbondanza fluisca nella vostra vita.

lentamente aprite gli occhi

Sono sicuro che adesso in tutti voi c’è un richiamo abbastanza potente a risvegliarvi alla coscienza dell’abbondanza e ad assaporare la ricchezza della vita e del vivere. Spero di vedervi presto tutti a Ekam durante il festival dell’abbondanza di Ekam

Namaste

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Luisa ha detto:

    Buongiorno a tutti ♡
    Namaste’ ♡

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...