Community Call 03/03/2019

Relazioni – puntata 11

Kumarji

È stato un vero piacere constatare che la Call della settimana precedente abbia avuto un impatto così importante perché ho ricevuto tante condivisioni e anche molte domande.

Condivisioni

  1. Manca la parte iniziale.

Kumarji…Occorre capire cosa è importante per voi. Se vivere nella paura della sconfitta, nella paura di essere sconfitti o se volete libertà per voi stessi? per una vostra scelta? Fintanto che voi non fate la vostra scelta continuerete a soffrire. Qual è la vostra scelta?

Partecipante> La scelta è libertà

Kumarji> Allora devi lasciare andare. La difficoltà per molte persone è arrivare a prendere questa decisione. Nessuno vuole decidere del loro stato. Il passo è prendere questa decisione che altera il vostro stato. E questa è libertà. Allora hai deciso che vuoi la libertà? Allora devi lasciare andare.

Partecipante> ok lo farò

  • Cristina dalla Svezia

Namastè.

Questa è la mia contemplazione e la mia intuizione. Prima di tutto voglio dire grazie perché la scorsa settimana abbiamo avuto un bellissimo insegnamento che mi ha toccato e coinvolto in modo molto profondo.

Gli ultimi otto mesi sono stati molto difficili per me perché è deceduta la mia mamma. In seguito a questa perdita sono venuti fuori tutti gli scheletri dagli armadi. Avevamo una famiglia disfunzionale, ci sono stati vari tipi di abusi all’interno della mia famiglia ma non ne abbiamo mai parlato, li mettevamo sotto il tappeto. Ma negli ultimi otto mesi, io, mio fratello e mia sorella abbiamo cominciato a guarire parlando dei nostri ricordi. Non mi ero mai accorta di avere così tanta rabbia e dolore verso mia madre, perché lei era come non vedesse quello che accadeva. Perché ha lasciato che accadesse? E in molti modi non mi ero mai messa nei suoi panni. In una meditazione mi sono calata nella sua situazione e sono riuscita a vedere che lei non riusciva a fare molto in quanto aveva una visione della vita molto limitata. Tutto era difficile e complicato. Durante la scorsa settimana lei mi è stata molto vicino a livello spirituale, nei ricordi, con molta leggerezza. Quando abbiamo avuto questo insegnamento tutto si è combinato insieme. 

Sono stata in grado di perdonarla e questo ha permesso che io avessi un bellissimo stato. Grazie tantissime per questo bellissimo insegnamento.

Kumarji> sono molto felice. È molto bello

  • Elena (legge Kumarji)

Grazie per il collegamento offertoci. Il perdono è importante perché posso lasciare andare. Sono consapevole che ho perdonato delle persone nel passato ma quando mi hanno trattato in un modo che non meritavo li ho dovuti perdonare ripetutamente e questo mi ha prosciugato l’energia. Il perdono include anche l’azione prodotta. 

È importante stare connessi con le persone che non rispetti? 

La mia guida interiore mi dice di minimizzare il contatto con queste persone che hanno un effetto tossico nella mia vita. 

Mi posso mostrare a loro senza paura? 

Il perdono significa lasciare andare, ma cosa facciamo se una persona continua a trattarti in modo non rispettoso? Io capisco che è importante il perdono in modo da potermi liberare per creare e aiutare gli altri. 

La lezione dataci è molto bella “non vuoi perdonare perché lo vedi come una sconfitta”, questa è stata una comprensione profonda per me. Il vero perdono è accettare qualunque cosa succeda e lasciare andare. Io sono d’accordo su questo, però c’è questa cosa interna e non esterna. Inoltre anche perdonare me stessa per quello che è successo a me è importante. 

Significa stare nel cuore per qualunque cosa. Lasciare andare tutto il dolore questo è il vero perdono

Kumarji > quello che devi capire del perdono è che non riguarda il dire alle altre persone “si va bene”, riguarda solo te stessa. Quello che mantieni dentro te stessa come un dolore, una ferita, una cicatrice, fintanto che tu lo tieni in questa modalità gli dai un enorme valore anziché lasciarlo andare e anche rimani nella presunzione che perdonare abbia a che fare con la sconfitta e allora non perdoni. Abbiamo detto che il perdono è uno stato interiore in cui sei pronta a lasciare andare. 

Dare valore alla tua libertà invece di assumere che sia una sconfitta.

Quando questo avviene tu fai esperienza della libertà, percepisci la libertà dentro di te. Questo non significa che non devi fare le cose pratiche, non significa che ti devi fare sfruttare dagli altri. Devi essere cauta in base a quello che è l’altra persona, valutare se è aggressivo o se non va bene, ti devi assicurare di non metterti in una condizione di essere nuovamente abusata o sfruttata. 

Stiamo parlando del non soffrire, del non portare dentro di sé un dolore. 

Per cui lasciare andare il proprio dolore porta alla libertà del perdono.

  • Partecipante dalla Spagna 

Kumarji ci ha detto la scorsa settimana di fare la meditazione della gratitudine tutti i giorni. Nel procedere della sadhana ho visto che c’erano dei cambiamenti nella mia famiglia, nella mia casa. Ho cominciato a notare una certa pace che prima non c’era perché non eravamo una famiglia unita. Ho cominciato a notare una connessione fra noi tre, una maggiore comprensione. È stato fantastico perché c’erano stati dei momenti di confusione e fare questa meditazione ha cambiato le cose in maniera meravigliosa, è stato davvero incredibile sia con mio figlio che con mio marito. 

Tanta gratitudine Kumarji e molte grazie a tutti.

Kumarji > fantastico, molto bello

  • Jenny dal Belgio(legge Kumarji)

Grazie di tutte le cose di cui ci hai parlato. Parlando di perdono ho capito che questo non ha nulla a che vedere con la persona che devo perdonare. Ieri sera dopo la meditazione nella Call mi sono ritornate tante scene della mia vita e ho potuto prendere atto che ci sono tantissime situazioni in cui ho bisogno di perdonare. Questi piccoli dolori che si sono creati e costruiti, uno dopo l’altro nella mia vita, e che senza rendermene conto hanno influenzato il mio modo di pensare e di agire ora. Liberarmi di questo dolore mi modifica in maniera profonda, più di quanto potessi aspettarmi.

Pensavo che per perdonare dovessi essere una persona gentile ma adesso vedo che c’è un cambiamento importante rispetto a come mi sentivo nel mio cuore. Adesso riesco a vedere la verità di tutto questo. 

Grazie di questa sessione liberatoria.

Kumarji> è molto importante vedere la vostra verità, non importa quanto sia stata dura la verità interiore perché ciò che libera una persona, ciò che la porta alla libertà, ciò che trasforma una persona da uno stato di sofferenza ad uno stato bellissimo è semplicemente l’adesione alla propria verità interiore. Fate attenzione alla vostra verità e sarete felici.

  • Emma> (legge Kumarji) 

grazie per questi profondi insegnamenti che mi hanno molto aiutato. Mi sento molto più libera. Gli insegnamenti di questa settimana mi hanno sorpreso, non pensavo di essere così agganciata al dolore. Nella meditazione ho visto la paura, ho visto che ho creato ciò di cui avevo paura invece che lasciare andare tutto nell’amore creando una vita magica.

Domande

D.Partecipante> grazie per gli insegnamenti. Ho ancora una relazione difficile con i miei genitori. Il dolore che loro sentono è di non essere mai stati in grado di soddisfarmi, di non valere abbastanza, di non aver mai fatto la cosa giusta. Voglio lasciare andare questo visto che crea tanto dolore, e poi è anche un dispendio di energia. 

R.Kumarji > ci sono due cose qui. Più del dolore ciò che tu stai provando è un senso di colpa e il giudizio. Il problema per te non è il dolore, la ferita, sei più nel giudizio. Questo significa che tu devi portare attenzione alla sensazione che tu hai internamente quando arriva una situazione esterna. Non arrivare troppo velocemente alla conclusione di quello che potrebbe essere. 

In secondo luogo devi occuparti del sentirsi colpevoli. Il sentirsi colpevoli per non essere stato in grado di soddisfarli o di non essere stato uno che valeva abbastanza. Quello che devi capire è che sia se loro lo abbiano oppure no nella loro testa sei tu che lo hai nella tua testa. Non ha niente a che fare con loro. Probabilmente dovresti lavorare su te stessa per portare attenzione a come tu ti senti. Magari qualunque cosa tu faccia non è mai abbastanza. È una tua percezione di te stessa. Il problema fondamentale per te è “il giudizio di sé e la condanna di sé”. È importante che tu porti attenzione alla tua sensazione di auto giudizio e auto condanna, e devi lavorare su questo. Fatto questo sarai libero da tutto ciò. 

Gli insegnamenti sul giudizio e sulla condanna arriveranno durante la partecipazione al Journey in India, non sono presentati nella Community Call. Se hai il tempo e la possibilità fai sì che tu possa essere pronto per venire alla O&O Academy perchè grazie a questi insegnamenti al Journey tu avrai delle intuizioni potenti grazie alle quali tu potrai individuare il senso di auto giudizio e auto condanna, lasciarli andare e posizionarti in un bellissimo stato di coscienza. Questo è il modo di procedere

D. Sara> domande riguardo al partner. 

Come possiamo stare in una relazione e condividere la vita con il nostro partner se il partner non è in un bellissimo stato? Dobbiamo semplicemente accettarlo e procedere nonostante tutto nel nostro cammino oppure è un atteggiamento egoistico?

R. Kumarji> ciò che devi capire è molto importante, su qualunque relazione (genitori, figli, ecc) non solo con quella con il partner. Se una relazione deve essere una relazione durevole, se deve andare avanti con amore e connessione la chiave è farsi due domande:

  • Che cos’è la base della vostra relazione? Quali sono i fondamenti della vostra relazione?
  • Qual è lo scopo di questa relazione?

Bisogna andare in profondità. Se ci sono delle risposte superficiali quali “voglio che l’altro sia felice”, “tutta la vita è basata sulle relazioni”, si rimane in superficie, invece bisogna andare ad osservare in profondità su entrambe le domande. 

Quando vi risponderete dal profondo di voi stessi vedrete che la relazione durerà perché i fondamenti partono da un bellissimo stato e il volere qualcosa durerà. Allo stesso modo, lo scopo è qualcosa di una grande visione, parte dalla coscienza dell’Uno e non dalla coscienza dell’Io, allora voi sicuramente comincerete a realizzare quella visione, quello scopo. Quindi è importante che andiate a vedere queste due cose e se avrete la risposta adeguata la relazione durerà a lungo. Se non avete risposte chiare per voi a queste due domande avrete problemi nella relazione. È importante farsi queste due domande. 

Se vuoi una relazione durevole e amorevole devi vedere quali sono le basi e i fondamenti di questa relazione e quale è lo scopo, l’obiettivo di questa relazione. Se il tuo scopo è superficiale la relazione non sopravviverà a lungo, se il tuo scopo è molto forte, come fare qualcosa di bellissimo per gli altri o di contribuire al cambiamento su questo pianeta, se hai una visione molto chiara, questo aiuta molto. E l’altro aspetto è che se il fondamento non è l’amore e la connessione, ma vuoi dimostrare di essere molto affascinante, che puoi conquistare chiunque, che sei meglio di altre, che puoi avere qualunque cosa nella vita, questo non permetterà alla relazione di essere durevole. Solo se il fondamento della relazione è un bellissimo stato e se deriva da qualcosa di bellissimo ci sarà una relazione durevole altrimenti le relazioni traballano.

D. Partecipante> come affronto il fatto che il mio coniuge non faccia la sua parte?

R. Kumarji> la domanda che ti puoi fare è “sono sicuro che io faccia la mia parte bene?” 

Cosa puoi fare perché l’altro faccia la sua parte? Cosa puoi fare in quello che non è sotto il tuo controllo? La domanda che ti puoi fare è “sto facendo la mia parte nel modo migliore?” se tu non fai la tua parte nel modo migliore hai la possibilità di correggerla perché sotto il tuo controllo, mentre che l’altro faccia bene o meno bene la sua parte tu non puoi fare nulla in nessun caso. Quindi la trasformazione e il vedere la verità ha sempre a che fare con te e non con l’altro o l’altra. 

Fintanto che tu vuoi vedere la verità dell’altra persona non riesci a trasformare niente internamente. Cogli questa cosa con molta chiarezza. Devi vedere la tua verità e hai bisogno di vedere qual è la tua parte e di fare la tua parte del lavoro, poi potrai cominciare ad influire sull’altra persona perché essendo in un bellissimo stato potrai connetterti al tuo coniuge ed essere in grado di percepire da quale stato l’altro si muove. Questo, se non sei in uno stato di rabbia o di giudizio, ma piuttosto in uno stato di connessione, sentirai di poter essere compassionevole nei suoi confronti. Quando sei in connessione con l’altro sarai in grado di sentire la sua sofferenza e sarai in grado di connetterti con la tua sofferenza e con momenti simili nella tua vita e connettendoti al modo che ti ha permesso di uscire da quella sofferenza avrai gli strumenti per aiutare l’altro ad uscire dalla propria sofferenza. Questo si chiama compassione. Fintanto che non trasformi te stesso e non impari a connetterti all’altra persona non c’è un modo con cui tu possa veramente sostenere e supportare l’altro, che sia di dare consigli o cercare di andare verso di loro, non funziona, occorre trasformarti e stare in uno stato connesso, stare nella coscienza dell’Uno, occorre connettersi e percepire e rispondere da quell’intelligenza superiore che fluisce attraverso di te quando sei in uno stato bellissimo. 

Questo è quello che aiuterà l’altro ad uscire dalla sofferenza ed entrare in questo percorso di connessione. Questo è quello che possiamo e dobbiamo fare.

Insegnamento

Kumarji. Andiamo alla lezione di saggezza di Preethaji.

Potrebbe sembrarvi che ci si ripete ma è importante per approfondire.

Sedetevi in maniera adeguata e ascoltiamo Preethaji cercando di avere delle intuizioni nella nostra vita alla luce di questi insegnamenti. 

Dovete capire che ogni principio, ogni insegnamento che viene dato sarà utile soltanto se voi siete in grado di portare la luce di quell’insegnamento alla vostra situazione di vita. 

Questo significa che alla luce dell’insegnamento dovete osservare la vostra situazione di vita e allora ciò che poi accade è che grazie all’insegnamento avrete quella comprensione, quella intuizione nella situazione di vita. Quando avrete questa comprensione si creerà libertà in voi, libertà per il passaggio dallo stato di sofferenza ad uno stato bello. Questo è il beneficio che vi arriva se voi veramente portate attenzione all’insegnamento. 

Gli insegnamenti non sono per avere un’altra cosa da sapere. 

Ci arrivano tonnellate di insegnamenti da tutte le parti, tutti danno insegnamenti e tutti mettono dentro tutto e le cose si accumulano semplicemente. Vedo continuamente delle persone che prendono appunti di tutte queste cose ma a cosa serve se non sapete come portare le vostre situazioni di vita sotto la luce di questi insegnamenti. Non è solo un accumulo di conoscenza. Anche un solo insegnamento portato con sacralità all’interno di voi che riuscite ad applicare può dare un profondo impatto alla vostra vita. Soltanto quando lo riuscite a vedere nella vostra vita, allora diventa la vostra verità, diventa vero e utile per voi. 

Mantenendo quanto detto, presente in voi, ascoltate Preethaji.

Preethaji

Namastè.

  • Cominciamo oggi con dei profondi respiri
  • Rimanete consapevoli del vostro respiro, di come il vostro respiro entra ed esce dal vostro corpo nella inspirazione ed espirazione
  • L’intuizione di oggi è riguardo il concetto d’amore. “Voi percepite una mancanza d’amore a causa del vostro stesso concetto di amore”. Noi definiamo l’amore basandoci sull’esperienza personale. Ogni opinione che possiamo avere sull’espressione dell’amore, dai gesti dell’amore al mondo che lo descrive, sulle impressioni, è tutto basato su ciò che abbiamo sentito o percepito nel nome dell’amore. Abbiamo la tendenza a generalizzare cosa significa l’amore e ci aspettiamo che lo stesso comportamento, le stesse espressioni, e stesse modalità ci arrivino dagli altri. Anche nelle espressioni più amorevoli è possibile che noi vediamo le stesse espressioni con lo stesso entusiasmo, la stessa energia in tutti i momenti della nostra vita? Sembra abbastanza ridicolo non è vero? E la cosa ironica è che anche se l’altro ci ama il nostro concetto di amore non ci permette di percepire quell’amore a causa delle nostre aspettative riguardo a come dovrebbe essere quella manifestazione d’amore. Quando le nostre aspettative non vengono soddisfatte non ci sentiamo amati. 

Noi riteniamo e crediamo che non ci sia un modo di sentirci meglio fintanto che l’altro non soddisfa le nostre aspettative. Riconoscendo la nostra definizione dell’amore noi saremo in grado di andare oltre questo. Scopriremo una nuova gioia nelle nostre relazioni.

Vogliamo meditare ora?

Kumarji

Andiamo ad approfondire quanto detto da Preethaji. 

Preethaji ci sta dicendo “la vostra esperienza della mancanza d’amore è a causa del vostro concetto d’amore”. Noi facciamo esperienza di una mancanza d’amore a causa di un nostro concetto d’amore. 

Preethaji dice “noi definiamo l’amore basandoci sulle nostre esperienze personali”, il che significa che ogni opinione che noi abbiamo riguardo all’espressione dell’amore, dai gesti alle parole e agli atti d’amore, tutto è basato su quello che noi abbiamo visto o percepito nel nome dell’amore. 

Preethaji dice che abbiamo una tendenza a generalizzare il significato dell’amore e poi in conseguenza abbiamo delle aspettative riguardo il comportamento e le espressioni d’amore da parte delle persone amate in maniera continua e ripetuta. 

Preethaji ci chiede “è possibile mantenere, anche nelle relazioni più amorevoli, sempre le stesse espressioni, lo stesso entusiasmo ed energia?” “non può succedere sempre”. 

Anche se la persona amata lo facesse, sfortunatamente il nostro concetto dell’amore non ci permette di percepire davvero il loro amore a causa delle nostre aspettative riguardo a come dovrebbe essere il loro amore. E quando le nostre aspettative non sono soddisfatte, in maniera naturale, noi ci sentiamo non amati e cominciamo a credere che non ci sia un modo per sentirsi meglio finchè gli altri non soddisfano le nostre aspettative. Siamo così fissati sul nostro concetto d’amore, che soltanto quando l’altra persona si esprime soddisfacendo le nostre aspettative, pensiamo di essere amati.

La mancanza d’amore deriva dal vostro concetto d’amore.

Facciamo un esempio.

Una signora che veniva dagli Stati Uniti ha fatto un processo qui in India. Suo marito è un uomo d’affari molto famoso nella sua nazione. Al dialogo con l’Insegnante le ha detto:

  • È da 22 anni che sono sposata con mio marito. Da allora ho vissuto una vita molto bella e comoda ma non una vita felice.

La signora è una persona molto espansiva, molto aperta, fa amicizia con tutti e si aspetta che il marito sia come lei. Ma il marito non è mai stato una persona molto espressiva, è molto silenzioso, parla poco e non esprime il suo amore per lei e con lei nel modo in cui lei se lo aspetta. Questo la rende molto triste fino a pensare che lui non l’avesse mai amata. Pensava che lui adempisse solamente ai suoi impegni coniugali e spesso hanno anche litigato. Il marito, a sua volta, si chiedeva cosa fosse a causare così tanta rabbia in lei. 

Nel corso, quando lei è stata alla presenza di Krisnhaji, durante la meditazione del Campo Illimitato ha avuto una connessione molto potente con suo marito ed ha potuto osservare che il suo concetto d’amore veniva espresso attraverso gesti e parole mentre il concetto d’amore del marito era di sentire internamente questo sentimento senza dare importanza a come mostrarlo. Nel Campo Illimitato lei ha compreso che lui la amava molto ma non l’aveva mai espresso esternamente, ha visto che era il suo concetto limitato d’amore a causare tanti problemi a sé stessa. 

Nel momento in cui lei ha compreso questa cosa la sua sofferenza è diventata insignificante. Oggi suo marito è lo stesso ma la connessione che loro percepiscono nella relazione è molto potente, qualcosa di mai avvenuto prima. 

Riconoscere la propria definizione dell’amore aiuta ad andare oltre la definizione permettendo la scoperta della gioia nella relazione. Comprendendo in quale concetto d’amore si è bloccati si può lasciare andare per entrare nella gioia di quella relazione, con i genitori, con il coniuge, con il partner, con i figli, con un collega, con il capo, con gli amici. Il sentimento della mancanza d’amore non è determinato dalla condizione che l’altro vi dia o no amore, dovete capire che avete costruito un bozzolo intorno a voi e pensate che solo quelli che possono essere in questo bozzolo con voi sono capaci di dare amore. 

Dovete essere consapevoli che avete costruito un muro e vi aspettate che gli altri, in un modo o nell’altro, facciano lo stesso. 

Alla fine finirete per credere che nessuno vi ama. 

È come se sparando a qualcuno cominciate a piangere pensando che qualcuno abbia sparato a voi. È l’eco delle vostre azioni. Cominciate a credere che c’è un demone là fuori di voi. Vedete l’assurdità di questo comportamento? 

Che ci crediate o no, tutto questo non ha nulla a che vedere con l’altra persona. Queste sono le nostre, potremmo dire, mancanze di saggezza, la nostra ignoranza, la mancanza di attenzione a come viviamo. 

Per questo gli insegnamenti di Krisnhaji e Preethaji sono molto sottili e vanno negli angoli più reconditi per farci vedere dove siamo bloccati. 

Da nessun’altra parte trovate degli insegnamenti di questo tipo perché il loro modo di vedere le cose è completamente diverso dal normale in quanto Loro vivono, per la maggior parte del tempo in uno stato di coscienza differente e vivono in maniera differente, qualsiasi cosa dicono è un insegnamento che vivono. Non parlano di come sarebbe bene vivere e poi vivono in tutt’altro modo. Vivendo determinate esperienze ne comunicano la possibilità in modo che coloro che ascoltano possano avere gli stessi benefici. 

Se l’insegnamento è chiaro per voi andiamo a fare il processo meditativo.

Meditazione con PreethaJi

  • Sedetevi in una posizione comoda, chiudete gli occhi e portate la vostra attenzione al vostro respiro, inspirate profondamente dal naso ed espirate lentamente dalla bocca con consapevolezza totale
  • Scegliete una qualunque relazione in cui percepite un bisogno importante d’amore, osservate le conseguenze di questa insoddisfazione
  • Quando vi sentite amati dall’altro? Quando non vi sentite amati dall’altro?
  • È veramente possibile per l’altro, essere e comportarsi in un certo modo per tutto il tempo? è proprio vero che non ti amano quando non soddisfano quelle specifiche aspettative?
  • Autenticamente chiediti: tu fai uno sforzo per far sì che l’altro si senta amato? Non partendo da uno spazio di insicurezza, di colpa, di rimorso, ma da uno spazio di connessione
  • Porta il palmo delle mani sul chakra del cuore e senti quanto questa persona significa per te e quanto è prezioso per te l’amore di un’altra persona, quanto abbia valore nella tua vita, immergiti in questa sensazione
  • Questo è il momento giusto per realizzare un sacro intento o una preghiera per comprendere quanto l’altra persona sia preziosa per te.

Riportati più volte nella giornata alla realizzazione che “sperimenti una mancanza d’amore a causa del tuo concetto di amore”.

Namastè.

Abbi una giornata bellissima in un bellissimo stato

Possiamo dolcemente riaprire gli occhi 

Kumarji

Sono già diversi mesi da quando abbiamo iniziato ad imparare tante cose insieme sulla vita. Qualcuno ne ha avuto grandi benefici per ogni insegnamento.

Quanti di voi hanno una profonda passione dentro di voi affinchè qualsiasi cosa che aiuti me nel mio cuore io dovrei essere in grado di portarlo anche ad alcuni dei miei amici che hanno questo tipo di interesse e cioè rendere felici le persone care.

Fantastico.

Ascoltatemi attentamente. Molti di voi sono diventati dei frequentatori abituali di questa Call ma ci sono delle persone che non sanno in maniera approfondita di questo incontro e quindi per far comprendere alle persone, che siano parenti, amici, chiunque sia, è importante che una volta ogni tanto creiamo un’opportunità grazie alla quale possiamo veramente invitare amici, parenti e altre persone a casa vostra, che può essere una cosa molto bella per voi, e nello stesso giorno potremmo avere una Call un pò più lunga, grazie alla quale li possiamo portare, insieme a voi, a fare un percorso di una bellissima esperienza riguardo a questo lavoro, quest’opera in una maniera molto pratica, facendo un’esperienza, insegnamenti, processi, meditazioni, tutto messo insieme in modo che alla fine delle tre ore possono percepire cosa può essere un bellissimo stato. Quanti di voi sono interessati ad offrire gratuitamente un’esperienza così?

Il prossimo sabato 9 marzo ci potremmo organizzare con una Call dalle 15.00 alle 18.00, orario italiano. Potrete organizzare un gruppo ed essere collegati con un solo computer da casa vostra oppure per chi è impossibilitato ad unirsi a voi ci sarà la possibilità di collegarsi dal proprio computer. Certo che unirsi in gruppi è la cosa migliore. Sarebbe molto molto bello perché l’energia che viene generata è diversa e poi potrete fermarvi dopo la Call per condividere le esperienze.

La Pubblic Call del 9 marzo riguarderà “il Potere dell’Essere”. Permetteremo alle persone di comprendere la filosofia, la meditazione, gli insegnamenti, si faranno delle esperienze che si possono avere quando si viene alla O&O Academy. Presentiamo questa opportunità a quante più persone possibili.

Un’altra richiesta per tutti voi in quanto comunità, famiglia. 

Preethaji terrà il 16 e 17 il programma Being Limitless in due sedi, Stoccolma e Bonn. È un programma on-line. Potreste mandare le informazioni ai vostri amici attraverso i social network o anche in altri modi per dare quest’opportunità in quanto non ci sarà un’altra sessione quest’anno.

È un piccolo gesto per aiutare tante persone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...